Cronaca Via Don Alessandro Niccoli

Due furti: saccheggiata profumeria. E torna in azione anche il ladro con la pietra

A Carmiano sfondata la vetrata della rivendita di biancheria "Pro Shop". Stessa sorte era toccato nei giorni scorsi all'outlet di "Primo Piano", ma anche a un altro negozio di abbigliamento di Copertino, "Gyf". Mentre a Maglie una banda ha sottratto da "Valentini" profumi per circa 4mila euro

Foto di Daniele Natale.

LECCE – Due furti sono stati consumati nella notte appena trascorsa all’interno di differenti negozi e con esiti diametralmente opposti. Perché se in una profumeria di Maglie i malviventi si sono appropriati di boccette di costosi marchi (tutti di nicchia) per un valore di circa 4mila euro, a Carmiano il ladro (quasi certo che fosse uno solo) ha praticamente fatto cilecca, pur riuscendo nell’impresa. Non sembri un paradosso. Nel locale commerciale preso di mira, che vende biancheria, c’era appena una decina di euro. Ergo, il gioco non è valso la candela. Non solo. Il furfante ha anche rischiato d’imbattersi nella vigilanza, arrivata sul posto in pochi minuti.  

In ordine di tempo, il furto nel negozio carmianese è stato il primo a essere consumato. In via Don Alessandro Niccoli, l’antifurto del negozio “Pro Shop” è scattato alle 23,17. E’ collegato all’istituto di vigilanza “La Velialpol”. Le guardie giurate hanno trovato la porta a vetri sfondata. Per lo scopo è stato usato un grosso masso, che ha provocato una fitta ragnatela. Dopodiché, forse con un calcio ben assestato, il malvivente ha fatto cedere definitivamente il vetro, infilandosi nel negozio. Dal controllo con il proprietario è risultato come mancasse il cassetto del registratore. Dentro c’erano però solo pochi spiccioli.

La vicenda è particolare perché non è affatto l’unica avvenuta fra Carmiano e dintorni negli ultimi giorni. Giovedì scorso, infatti, la proprietaria del negozio d’abbigliamento “Primo Piano”, che ha un outlet in via Mazzini, ha trovato il vetro infranto alla stessa, identica maniera, cioè con un masso. Si sospetta quindi che l’autore possa essere sempre lo stesso.

Un soggetto è anche stato immortalato dalle videocamere. Si tratta di un giovane alto e molto magro, che è riuscito a entrare da quel foro provocato dalla pietra, estraendo anche in quel caso il cassetto, dove c’era il fondo cassa, per qualche centinaio di euro. Al momento del furto indossava felpa con cappuccio, pinocchietti e scarpe da ginnastica con calzini.

Ma c'è di più. Da notare che la stessa notte del furto ai danni dell’outlet di “Primo Piano” (fra il 24 e il 25 giugno) un fatto pressoché identico è avvenuto anche a Copertino, al negozio di abbigliamento “Gyf” di via Magistrato Cosimo Mariano. Anche lì, pietra per rompere il vetro e sottrazione di soldi, appena 40 euro. A questo punto, si può facilmente dedurre che si tratti sempre dello stesso soggetto, che si aggira fra i comuni di una specifica area del Salento, scegliendo con cura gli obiettivi e accontentandosi di pochi euro.  IMG-20150629-WA0003-2

Decisamente di spessore più alto il gruppo criminale che ha colpito nella notte la profumeria “Valentini” di Maglie, di via Trento e Trieste, nel pieno centro. In questo caso, hanno agito più soggetti, che, intorno alle 3 di notte, hanno sfondato la vetrina con qualche arnese, rubando in pochi minuti profumi per migliaia di euro, per poi subito fuggire.

Il danno è coperto da assicurazione e nel negozio vi sono videocamere di sorveglianza che potranno forse servire alle indagini. Nei due episodi odierni stanno indagando rispettivamente i carabinieri delle compagnie di Campi Salentina e Maglie. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due furti: saccheggiata profumeria. E torna in azione anche il ladro con la pietra

LeccePrima è in caricamento