rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Castrignano del Capo

Due sbarchi in poche ore: il primo nel porto di Leuca, il secondo a Gallipoli

Autonomo l'arrivo di una imbarcazione, nel pomeriggio: a bordo sette curdi e tre albanesi con cittadinanza greca, ritenuti gli scafisti. In tarda serata quello di un motopesca, intercettato al largo della Città Bella, con circa 120 migranti di varia nazionalità

LEUCA - Due sbarchi, a distanza di poche ore, forse con una unica regia alle spalle. Il primo, di dimensioni ridotte, nel pomeriggio a Santa Maria di Leuca; il secondo, dieci volte almeno più consistente, a Gallipoli. In entrambi i casi è stata la guardia di finanza a intervenire.

L'imbarcazione attraccata a Leuca lo ha fatto autonomamente, ma non è sfuggita alle telecamere delle fiamme gialle che hanno approfondito i controlli, identificando così i passeggeri scesi dal mezzo. Il gruppo era composto da sette uomini di nazionalità curda, tutti maggiorenni, e da altri tre individui di origini albanesi ma con cittadinanza greca.

Questi ultimi, stando ai primi riscontri, sarebbero i responsabili del trasporto illecito di esseri umani. Il gruppo è stato accompagnato con un pullman, scortato sia dal personale delle fiamme gialle che dagli agenti del commissariato di Taurisano - giunti sul posto per dare supporto nelle operazioni -, nel centro di accoglienza straordinaria della Croce Rossa, Masseria Ghermi, a Lecce.

Quello arrivato a Gallipoli, invece, è un motopesca con a bordo 127 persone, identificate successivamente come bengalesi, pachistani, iracheni, iraniani, cingalesi e afgani. Tra loro anche due donne, 26 minori non accompagnati e tre presunti scafisti, inchiodati dai video che li ritraggono al timone. L'imbarcazione, intercettata dieci miglia al largo della città ionica, è stata scortata dalle unità navali della guardia di finanza. In banchina presente il personale di Croce Rossa Italiana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due sbarchi in poche ore: il primo nel porto di Leuca, il secondo a Gallipoli

LeccePrima è in caricamento