Due settimane dopo il primo rogo in fiamme auto della stessa donna

A Ugento quello di via Ugo Foscolo sta diventando un piccolo giallo. Prima le fiamme su un furgone Mercedes, ora su una Citroen C3. In entrambi i casi, veicoli della stessa proprietaria, una 54enne. Ma sono molti i casi analoghi negli ultimi tempi nella stessa località

La via dov'è avvenuto l'incendio.

UGENTO – Due settimane esatte dopo, anche un secondo veicolo di proprietà della stessa persona è stato in parte danneggiato da un incendio. E, sebbene anche questa volta le cause siano tecnicamente da accertare, sembra ormai quasi certo che si debba cercare una pista dolosa. D’altronde, sarebbe paradossale il contrario.

I carabinieri della stazione di Ugento, dunque, sono al lavoro per cercare di dirimere quello che sta diventando un piccolo giallo locale. Perché se nella notte fra il 27 e il 28 marzo le fiamme hanno attecchito su un furgone Mercedes posteggiato in via Ugo Foscolo, questa volta è toccato a una Citroen C3. Ed entrambi i mezzi, come detto, sono riconducibili a un’unica proprietaria, una donna di 54 anni del posto, casalinga.

Anche in questo caso, l’auto era parcheggiata in via Foscolo, alla periferia della cittadina. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per spegnere il rogo. Non sono state trovate bottiglie, né altri elementi che indichino in modo chiaro un atto intenzionale, ma è ovvio che per i militari, la circostanza che nell’arco di così poco tempo siano stati interessati un furgone e un’autovettura della stessa donna,  indica che possa esservi qualche vicenda su cui svolgere approfondimenti.

Il movente resta però oscuro, così come l’eventuale destinatario di simili avvisi: è la 54enne o qualche persona a lei vicina? E’ questo il primo dubbio che i carabinieri stanno cercando di dirimere. Senza dimenticare che, a Ugento, episodi analoghi si stanno verificando con inquietante frequenza, sebbene se non si possa affermare l’esistenza di un collegamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Resta il fatto che, ad esempio, fra il 18 e il 19 marzo sia andata distrutta dalle fiamme anche l’auto del giovane vicesegretario del Partito comunista locale  o che, solo due notti addietro, stessa sorte sia toccata alla Toyota Aygo di un commercialista. Tutti casi avvenuti in poco tempo, dunque, cui si sommano i due appena citati con la stessa persona come protagonista. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento