menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due tentati omicidi nella guerra di mala, il presunto killer sceglie l’abbreviato

Si aprirà il 27 gennaio il processo a Giuseppe Moscara, il 24enne di Casarano accusato di aver attentato, quattro anni fa, alla vita di Luigi Spennato e un anno fa a quella di Antonio Amin Afendi

CASARANO - Non risponderà solo di due tentati omicidi, quello di Luigi Spennato, del 28 novembre del 2016, e quello di Antonio Amin Afendi, avvenuto il 25 ottobre di un anno fa.

Dal banco degli imputati, il 24enne di Casarano Giuseppe Moscara, detto “Mozzarella”,  dovrà respingere anche l’accusa di aver fatto parte del sodalizio nell’ambito del quale maturarono gli agguati che fu smantellato con l’inchiesta “Diarchia” ed era capeggiato da Tommaso Montedoro poi diventato collaboratore di giustizia e suo accusatore.

Saranno queste le vicende oggetto del processo che si aprirà il 27 gennaio con il rito abbreviato e in cui una delle vittime, Spennato, sarà parte civile con l’avvocato Francesca Conte.

La data è stata fissata oggi dal giudice Michele Toriello che ha così accolto l’istanza di rito alternativo, presentata dall’imputato attraverso l’avvocato Simone Viva.

In mattinata, durante l’udienza preliminare, sono stati acquisiti proprio i verbali relativi alle dichiarazioni rilasciate da alcuni testimoni nel processo “Diarchia”, al termine del quale, in merito al tentato omicidio di Spennato, fu riconosciuta la responsabilità di Luca Del Genio, 27 anni,  Antonio Andrea Del Genio, 33, entrambi di Casarano, e fu esclusa quella del collaboratore di giustizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento