Cronaca

Due tonnellate di "botti" pronti a invadere il mercato

Soleto: denunciati un uomo e una donna, titolari di un deposito in mezzo ai campi. Detenevano ben oltre il materiale pirotecnico consentito per la vendita, fra cui pezzi illegali. Anche bombe carta

Capodanno, arriva la bomba. Altro che stelle filanti e miniciccioli. Roba da dare al bimbo come contentino per non rovinare la festa al papà. Che intanto è immerso con la testa fra le polveri da sparo. "Ma 'sta bomba, la miccia, dove ce l'ha?". Bombe carta, bengala e missili terra-aria in miniatura. E' la "guerra" di fine anno. Partono i razzi, e con loro qualche falange e il solito occhio. Al 118 stanno con le bende pronte fin da adesso. E intanto, l'affare corre come una scintilla sullo stoppino innescato.

A Soleto qualcuno si stava già preparando. Un deposito in mezzo ai campi trasformato in polveriera, scatoloni di fuochi pirotecnici accatastati l'uno sull'altro. Responsabili: una donna di 67 anni ed un uomo di 43. La loro attività, per la verità, era legale. Ma la licenza contemplava la possibilità di detenere 500 chilogrammi di materiale pirotecnico. Il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Lecce ne ha invece scovati "un po'" di più. Due tonnellate di troppo, per l'esattezza, fra botti legali e altri illegali, di quarta e quinta categoria, persino alcune famigerate bombe carta. Valore totale della merce: circa 70mila euro.

I finanzieri hanno dovuto lavorare a lungo per fare l'inventario di tutto quel ben di Dio. Hanno iniziato alle 14 di ieri ed hanno finito intorno alle 21. I due titolari sono stati denun-ciati a piede libero per detenzione illecita. Sembra che i prodotti fossero destinati ad invadere mezza Puglia. I documenti di vendita rinvenuti non riguardano infatti solo la provincia di Lecce, ma anche quelle di Brindisi, Bari e Foggia. Un paio di furgoni erano già pronti per partire quando sono arrivati i militari a rovinare la festa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due tonnellate di "botti" pronti a invadere il mercato

LeccePrima è in caricamento