rotate-mobile
Cronaca Via Bonaventura Mazzarella

E i ladri tentano di rassicurare le vittime: "Con tutto quello che si sente in giro..."

Uno è scappato con uno scooter, l'altro è stato acciuffato dalla vittima in via Mazzarella e consegnato alla polizia. E' un brindisino di 18 anni. Nella notte, poi, sfumato un colpo nell'artistico di via Vecchia Copertino e furto di pochi spiccioli nel bar Barrino di via Leuca

LECCE – “Eh sì, si sa come vanno certe cose. I furti, i ladri. I giornali non parlano d’altro. Bisogna fare attenzione”. E via dicendo, in una serie di frasi rassicuranti. Salvo alla fine palesarsi loro, i ladri. Unop è riuscito a fuggire con lo scooter. Il complice, però, è stato acciuffato e consegnato dritto nelle mani della polizia.

Alex Ferrari, 18enne di Brindisi, con precedenti specifici, è finito in cella. L'altro, però, è uccell di bosco con tutto il mezzo a due ruote e la questura di Lecce ha diramato una nota di ricerca anche ai colleghi del vicino capoluogo messapico.

L’insolita (vista la sfacciataggine) vicenda, risale alle 21 circa di sabato sera, nei pressi di via Bonaventura Mazzarella. Vittima, un’intera famiglia, i proprietari di un centro estetico. Il marito era ancora all’interno per le ultime incombenze, fra cui passare dell’olio sulla serranda, la moglie lo assisteva e la figlia li attendeva in auto.

E’ stata la ragazza, a un certo punto, a notare il passaggio di un ciclomotore in senso vietato. Il conducente aveva un casco di colore celeste. Lo stesso individuo è ritornato poco dopo in via Mazzarella, ma senza scooter (evidentemente posteggiato altrove) e in compagnia di un altro ragazzo.

Da lì, tutta la messinscena, visto che avevano già puntato l’obiettivo, un altro mezzo a due ruote, Liberty Piaggio, di proprietà proprio della famiglia. Si sono avvicinati al padre ed hanno chiesto una sigaretta. “Non fumo”. Allora si sono recati dalla figlia, ferma semrpe in auto. Stessa risposta: “Non fumo”.

Quindi si sono allontanati di pochi metri e si sono appostati nei pressi del Liberty. Sembravano fermi, ad attendere qualcosa, qualcuno. A quel punto la ragazza, spaventata e insospettita, ha chiesto al padre d’intervenire per chiedere spiegazioni.

“Non si preoccupi, siamo solo di passaggio”, hanno rassicurato. E poi, via con frasi fatte per tentare di rasserenare i presenti. “Eh, capiamo, con tutto quello che si sente in giro”. Insomma, hanno intavolato tutta una discussione “politica”, salvo poi il ragazzo con il casco celeste sedersi sulla sella, per riuscire in pochi istanti a sbloccare lo sterzo.

La fuga è stata rapida, ma non per Ferrari, che è stato acciuffato al volo mentre tentava di allontanarsi a piedi (probabilmente per raggiungere lo scooter con cui erano arrivati) e trattenuto dall’uomo. Nel frattempo, mentre il Liberty  prendeva il largo, arrivava la polizia, avvisata sul 113. Il giovane è stato arrestato per furto aggravato in concorso con persona non identificata.

Risalgono invece alla notte appena trascorsa due altri furti, uno tentato e l’altero consumato. Quest'ultimo non ha però portato nelle tasche dei malviventi un bottino particolarmente grosso. Intorno alle 21 di ieri gli agenti delle volanti sono scattati in via Vecchia Copertino, dove ha iniziato a suonare l’allarme del liceo artistico “Ciardo Pellegrino”.

I furfanti hanno sfondato la vetrata della porta d’ingresso ed hanno solo tentato di manomettere alcuni distributori di bevande e merendine, ma senza riuscirvi. A quel punto sono fuggiti, temendo (come in effetti sarebbe accaduto) l’arrivo della polizia. Di loro, però, nessuna traccia.

Colpo magro, invece, per i ladri che hanno fatto irruzione nel bar Barrino di via Leuca, passando dal retrobottega. Nel registratore di cassa hanno trovato soltanto 50 euro. Il locale non è dotato d’impianto di videosorveglianza. Anche in questo caso, sul posto sono intervenute le volanti di polizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E i ladri tentano di rassicurare le vittime: "Con tutto quello che si sente in giro..."

LeccePrima è in caricamento