Cronaca

E' morto Filograna, il "re della scarpa" salentina

L'imprenditore di Casarano, che ha creato l'impero Filanto, si è spento all'età di 88 anni, dopo una vita tra successi e dolori: è l'uomo in grado di creare per primo un prodotto "made in Salento"

CASARANO - Un pezzo di storia salentina ed imprenditoriale che se ne va: è morto Antonio Filograna, fondatore e presidente onorario del Gruppo Filanto, nella sua Casarano. All'età di 88 anni si spegne uno dei personaggi che hanno segnato il corso dell'economia del territorio. Il tutto con una sola passione, a cui ha legato il proprio nome: la produzione di scarpe.

Insieme ad altri imprenditori di grido del settore, ha trasformato il Salento in uno dei poli calzaturieri più importanti del mondo. La sua ascesa ha avuto inizio nel dopoguerra: un piccolo laboratorio artigianale a conduzione familiare, prima del graduale boom. Un successo condito anche da situazioni drammatiche, come nel caso di rapimento, patito nel 1980, da cui venne rilasciato soltanto dopo otto mesi di prigionia o la morte del suo medico personale, William Ingrosso, allora sindaco di Casarano, proprio davanti a casa del re della scarpa.

L'esaltazione massima fuori dal mondo produttivo fu quella vissuta col Casarano calcio, sfiorando una storica promozione in serie B. Poi la nomina, nel 1997, a Cavaliere del Lavoro, la politica, la crisi del settore. Con la sua lungimiranza è stato in grado di rendere Casarano la capitale della produzione europea delle calzature. Di lui si dice che avesse un carattere difficile e che fosse davvero difficile tenergli testa. Se ne va così, senza clamore, il "re della scarpa", il firmatario per eccellenza del "made in Salento".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto Filograna, il "re della scarpa" salentina

LeccePrima è in caricamento