E ora spuntano anche i Panerai e i Rolex fasulli

Più di 60 orologi di marche prestigiose e diversi pezzi di ricambio. La guardia di finanza di Lecce ha deferito un 48enne di Lizzanello con un vasto campionario di merce di lusso, tutta contraffatta

Bella presenza, 48enne, auto di lusso. Ed un assortimento di orologi di marche mozzafiato. Tag Heuer, Sector, Porsche Design, Ferrari, gli immancabili Rolex, i Panerai, i Cartier, e poi Mont Blanc, Louis Vuitton, Baume & Mercier, Dolce & Gabbana, Emporio Armani e praticamente, più o meno tutti i brand più pregiati che possono venire in mente, roba che varia dai 3-4mila euro per le tasche più povere (si fa per dire, ovviamente), fino a 10mila euro e a salire oltre la soglia dei 50mila per chi non s'accontenta e vuole anche i diamanti incastonati. Tutto stupendo, tutto scintillante, tutto rigorosamente falso.

Se alle Hogan ci si è ormai fatto il callo, se borse e cinture dei ragazzi senegalesi non fanno più notizia, se i giocattoli con il marchio Ce falsificato dei cinesi ormai non sono una novità, all'appello mancavano solo loro, gli orologi di lusso. I militari del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Lecce hanno "pizzicato" il 48enne, di Lizzanello, con merce in auto e in casa, dopo averne studiato per mesi i movimenti. Ed il dato più singolare è che l'uomo non solo disponeva di esemplari da polso belli e fatti (21 dei quali Cartier, altri sette Panerai, roba che originale può partire da 7-8mila euro), ma sarebbe stato in grado anche di assemblare i pezzi. Ovvero, disponeva di un campionario di ricambi per orologi, magari, rotti o scalfiti, del tutto simili agli originali. Insomma, un fine artigiano del falso, si potrebbe dire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
In totale sono finiti sotto sequestro 68 orologi, dodici quadranti, dieci casse, altrettanti cinturini e, ancora, altri dieci coperchi inferiori. Il tutto, se rivenduto come vero, avrebbe potuto portare nelle sue tasche non meno di 500mila euro. Giusto per mantenersi bassi nelle stime. Ora i finanzieri stanno valutando quali potessero essere i suoi contatti. La rubrica del telefonino potrebbe svelare molte cose. Per esempio, se rivendesse solo al dettaglio o se interessasse in questo commercio anche negozi di orologi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripresa del virus in provincia di Lecce: 33 i positivi, tra questi bimbo di 4 mesi

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento