Educatrice di asilo sospesa per un mese: verifiche sui metodi adottati

Il provvedimento dell'ufficio Personale di Palazzo Carafa dopo l'intervento del settore Welfare. In corso verifiche su eventuali maltrattamenti

La sede del Comune.

LECCE – Una educatrice di un asilo nido comunale leccese è stata sospesa per un mese. La sanzione è stata applicata dal settore Personale di Palazzo Carafa dopo le verifiche e la segnalazione dell’ufficio Welfare, Casa e Pubblica Istruzione.

Alla base del provvedimento, adottato già da una paio di settimane almeno, alcune condotte ritenute scorrette per la cura dei bambini: gli approfondimenti per comprendere se si sia trattato di atti poco ortodossi o di maltrattamenti, sono ancora in corso,  ma il dato certo è che, su sollecitazione interna una responsabile amministrativa del Comune è intervenuta nella struttura e ha poi relazionato alla propria dirigente, chiedendo l’adozione della sospensione.

Il resoconto è stato anche trasmesso alla polizia locale. Il settore Welfare del Comune svolge periodicamente controlli su autorizzazioni, requisiti e attività tanto negli asili pubblici e privati che nelle ludoteche.

L’episodio, i cui contorni sono tutti ancora da stabilire, ha scatenato la reazione del centrodestra cittadino che insiste sull’installazione di telecamere. I tre segretari cittadini di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia – Cristian Sturdà, Mario Spagnolo e Antonio Mazzotta – si spingono a chiedere le dimissioni del sindaco Salvemini: “Come tre segretari cittadini dei principali partiti del centrodestra promettiamo solennemente che il primo provvedimento che la futura amministrazione a guida centrodestra farà, rivolto all'introduzione delle telecamere negli asili e nelle strutture sociosanitarie, perché la sicurezza dei nostri bambini, anziani e diversamente abili viene prima di tutto” hanno assicurato. Il centrodestra però le sue occasioni per un atto di indirizzo per l’installazione delle telecamere le ha avute a lungo: tra novembre del 2014 e novembre del 2015 la mozione fu iscritta undici volte all’ordine del giorno, discussa solo l’ultima e comunque mai votata.

Sulla stessa lunghezza d’onda i consiglieri Andrea Guido e Federica De Benedetto: “Salvemini e compagni – ha commentato il primo - ora dovrebbero chiedere scusa a tutti, ai genitori dei piccini in primis. Lo faranno? Tutto ciò avrebbero potuto evitarlo - e lo sanno bene - semplicemente appoggiando un provvedimento sensato, giusto, equo ed equilibrato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’amministrazione Salvemini, durante i due consigli comunali in cui si è discusso della proposta, ha precisato che non ci può essere alcun sviluppo concreto se prima non ci sarà un provvedimento di legge nazionale o regionale entrato in vigore: al momento una norma è ferma tra Camera e Senato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento