rotate-mobile
Cronaca San Cesario di Lecce

Elettore sorpreso a riprende il voto con videofonino

Il fatto è accaduto a San Cesario, uno dei centri del Salento interessati dalle consultazioni. Operazioni sospese ed episodio messo a verbale

Un cittadino di San Cesario di Lecce, uno dei centri del Salento interessati dalle consultazioni elettorali, è stato sorpreso in un'operazione che farà senz'altro discutere: una volta giunto all'interno della cabina ha impresso con il proprio videofonino la preferenza che, a titolo di cronaca, è stata effettuata nei confronti del centrosinistra. Ma, si sa: utilizzare le nuove tecnologie per concedersi un ricordino fotografico del fatidico momento del voto è assolutamente proibito. Le operazioni sono quindi state bloccate dal presidente di seggio e dai suoi collaboratori ed il fatto messo a verbale, così come previsto dalla legge.


Frutto dei più recenti sviluppi tecnologici, telefonini con macchine fotografiche integrate e videofonini entrano ormai ovunque, nelle classi di scuola, come, in questo caso, nei seggi elettorali. Ma le disposizioni del ministero dell'Interno, a riguardo, parlano chiaro: per assicurare il regolare svolgimento delle operazioni elettorali e "la genuina espressione della manifestazione di voto", sono vietati in cabina elettorale "telefoni cellulari provvisti di fotocamera o altre apparecchiature in grado di registrare immagini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elettore sorpreso a riprende il voto con videofonino

LeccePrima è in caricamento