Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Elettrosmog, un corso per indagare sul fenomeno

Organizzato dall'Università del Salento, possono parteciparvi studenti e tecnici. Obiettivo: scoprire l'interazione dei campi elettromagnetici con l'organismo, negli ambienti lavorativi e domestici

Di campi elettromagnetici si parla ormai da anni: tanti i dubbi sui rischi per la salute umana. E con l'avvento della telefonia mobile, le città sono state prese d'assedio da antenne che spuntano praticamente ovunque, alimentando le perplessità. Ma i campi elettromagnetici sono ovunque, da sempre: anche nelle case, tramite i comuni elettrodomestici. Ed è anche stato coniato un neologismo: elettrosmog.

Per indagare sul fenomeno, CulturAmbiente, Servizio protezione e Università del Salento hanno ideato un corso, rivolto a personale tecnico-amministrativo e a studenti universitari, che ha lo scopo di approfondire le conoscenze in materia di campi elettromagnetici, alla scoperta della loro presenza negli ambienti di lavoro e di vita e sul loro modo di interagire con l'organismo umano. Nella prima parte del corso, della durata di 8 ore, saranno analizzate le diverse possibili sorgenti, le loro proprietà, i meccanismi d'interazione a bassa ed alta frequenza, la possibilità di mitigarne gli effetti.


Nella seconda parte, anch'essa di 8 ore e che ha un taglio essenzialmente pratico, si punterà a far conoscere ed applicare i diversi metodi di possibile valutazione strumentale dell'intensità dei campi elettromagnetici, in laboratorio ed in campo aperto. È prevista la partecipazione di 30 studenti e 20 tecnici-amministrativi. Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di profitto a coloro che supereranno la verifica finale. Gli interessati possono iscriversi inviando richiesta all'indirizzo servizio.sicurezza@unile.it. Le lezioni prenderanno il via lunedì 14 maggio e si terranno fino al primo di giugno, presso Ecotekne, blocco D, aula D 4.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elettrosmog, un corso per indagare sul fenomeno

LeccePrima è in caricamento