rotate-mobile
Cronaca Galatone

Emetteva fatture ma non pagava tasse, segnalato perito

Nonostante rilasciasse le ricevute, un professionista di Galatone avrebbe sottratto al fisco entrate per 215 mila euro e Iva per 40 mila. Controllati conti correnti e i dati dell'Anagrafe tributaria

GALATONE - Un perito industriale di Galatone è stato segnalato all'Agenzia delle entrate per aver sottratto alla tassazione compensi per 215 mila euro, oltre all'Iva per 40 mila euro nell'arco di tempo che va dal 2005 al 2009. Le indagini della Compagnia della guardia di finanza di Gallipoli, che alla fine hanno permesso di accertare l'evasione totale, si sono svolte in due fasi.

Nella prima le fiamme gialle hanno verificato che, pur presentando regolare fattura relativa alle prestazioni effettuate, il professionista non ha istituito le scritture contabili, non ha effettuato alcun versamento e non ha presentato le dichiarazioni previste per l'Iva, per le imposte dirette e per quella regionale sulle attività produttive.

La quantificazione del volume d'affari dell'uomo è stata ricostruita incrociando i dati delle fatture emesse con quelli dell'Anagrafe tributaria, dove risultano le dichiarazioni dei clienti del perito, in qualità di sostituti d'imposta. In una seconda fase sono state poi approfonditi i movimenti di denaro sui conti correnti bancari intestati all'uomo.

Per la guardia di finanza l'uomo non ha saputo giustificare adeguatamente alcuni versamenti ricevuti. Secondo la normativa fiscale, infatti, tutti i contribuenti devono motivare l'irrilevanza di ogni singola operazione ai fini delle tasse o dimostrare di averne tenuto conto al momento della dichiarazione. Con la segnalazione della guardia di finanza, l''Agenzia delle entrate potrà ora provvedere al recupero delle imposte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emetteva fatture ma non pagava tasse, segnalato perito

LeccePrima è in caricamento