Cronaca

Emulo di "Kill Bill", con le spade dei samurai in casa

Un giovane 25enne in casa deteneva diverse katane, le spade giapponesi a lame curve, proiettili e materiale per confezionare la droga. La centrale delle spade era stata allestita a Lecce

catane

Forse era stato contattato per ricoprire il ruolo di samurai nella continuazione di "Kill Bill", in una terza prossima pellicola e aveva allestito in casa un piccolo tempio da guerriero giapponese per gli allenamenti, superare le rigide selezioni ed entrare nel cast. I carabinieri di Lecce, in mattinata, in una serie di perquisizioni domiciliari nei confronti di individui che annoverano sulla propria fedina precedenti penali contro il patrimonio, la persona e la detenzione di stupefacenti, sono piombati in casa di un 25enne, originario di San Pietro Vernotico, residente a Torchiarolo.


Tra le mura domestiche hanno scovato il covo di katane, la spada lunga giapponese a lama curva e a taglio singolo, utilizzata dai samurai del Sol Levante: due con una lama da 68 centimetri, una di 58, un' altra lunga 29 centimetri. Non mancava una classica spada in acciaio con una lama di 70 centimetri. Gli investigatori hanno anche sequestrato 3 proiettili per pistola, calibro 7 e 65, perfettamente funzionanti, ritagli di cellophane e nastro adesivo di colore nero, probabile attrezzatura per il confezionamento di sostanze stupefacenti. Per tale "passione", C.P. è stato denunciato alla Procura della Repubblica per aver detenuto all'interno della propria abitazione armi da taglio senza averne preventivamente segnalatato il possesso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emulo di "Kill Bill", con le spade dei samurai in casa

LeccePrima è in caricamento