Equitalia non può revocare di sua iniziativa la rateazione del debito concessa al contribuente

A stabilirlo un giudice del Tribunale di Lecce, che ha condannato l'ente al pagamento delle spese legali

LECCE - Nei giorni scorsi il giudice del Tribunale civile di Lecce, Pietro Errede, ha condannato Equitalia al pagamento delle spese legali per aver arbitrariamente revocato la rateazione precedentemente concessa a una società, assistita dall'avvocato Matteo Sances.

Alla società in questione è stata comunicata dal concessionario della riscossione la decadenza dal beneficio della rateazione del debito tributario a seguito del mancato pagamento di sette rate nonostante la normativa vigente al momento della concessione (anno 2013) prevedesse espressamente la decadenza della rateazione solo a seguito del mancato pagamento di otto rate. Equitalia ha quindi preteso l’immediato pagamento dell’intero debito, pari a oltre 160mila euro, senza ulteriore dilazione.

“Vane sono risultate le nostre numerose diffide volte a correggere l’errore - spiega l’avvocato Sances - e dunque siamo stati costretti a chiedere al Tribunale un provvedimento d’urgenza volto a evitare che la decadenza della rateazione esponesse la società e illegittime azioni e pignoramenti”. Una volta avviata l’azione legale, però, è intervenuta Equitalia comunicando alla società e al giudice di aver sistemato la situazione concedendo nuovamente la rateazione e chiedendo la cancellazione immediata della causa per cessata materia del contendere.

"A tale richiesta di Equitalia - spiega il legale della società - ci siamo opposti strenuamente perché riteniamo che costringere i contribuenti a fare causa per riparare a semplici errori dell’Amministrazione sia palesemente ingiusto ed ecco perché abbiamo insistito per la condanna alle spese legali”.

Tale posizione è stata accolta dallo stesso giudice che nell’ordinanza ha dichiarato: “non vi è dubbio, infatti, che la revoca, per intervenuta decadenza del debitore, dell’ammissione al piano di rateizzazione … poteva avvenire solo in caso di mancato pagamento di otto rate … e non di sette rate come avvenuto in  concreto. Peraltro la ricorrente ha documentato di aver inutilmente e prima del deposito del ricorso diffidato la resistente alla riattivazione del piano di ammortamento ... Ne deriva la condanna della resistente alla rifusione delle spese e competenze di lite in favore della ricorrente”.

Non è stata accolta dal giudice, invece, la richiesta di risarcimento dei danni a carico di Equitalia per responsabilità processuale aggravata: “Questa parte dell’ordinanza - spiega l'avvocato Sances - non la condividiamo assolutamente e stiamo valutando di riproporre la richiesta nelle sedi opportune poiché siamo fermamente convinti che i contribuenti non possano essere costretti ad avviare un’azione legale per farsi ascoltare dal concessionario. Ci si augura in futuro, dunque, una maggiore collaborazione tra Fisco e contribuente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento