Cronaca

Era diventato l’ombra della sua ex e la minacciava di toglierle il figlio: a processo

Rinviato a giudizio per stalking un 52enne residente a Otranto. E’ accusato di aver tormentato la donna con cui aveva convissuto, con frequenti appostamenti, inseguimenti e intimidazioni anche via sms

OTRANTO - Le avrebbe reso la vita impossibile a causa del suo comportamento violento e denigratorio, per questo aveva deciso di interrompere la relazione con lui, ma le cose non sarebbero migliorate anche quando non condividevano più lo stesso tetto. Anzi. L’ex convivente avrebbe continuato a “soffocarla”, inseguendola e appostandosi vicino al luogo in cui lavorava, o nei pressi di casa, o davanti all’auto, e non avrebbe perso occasione di minacciarla e offenderla anche pubblicamente sui social network. Adesso, di tutto questo dovrà rispondere dal banco degli imputati un 52enne originario di Maglie, ma residente a Otranto che oggi, a margine dell’udienza preliminare, è stato rinviato a giudizio per atti persecutori dal giudice Simona Panzera.

Il processo (nel quale l’imputato sarà difeso dall’avvocato Carlo Caracuta) inizierà il 21 maggio davanti al giudice della prima sezione penale del tribunale di Lecce Elena Coppola e la vittima potrà costituirsi parte civile con l’avvocato Annarita Salvarore.

Secondo le indagini, condotte dal pubblico ministero Stefania Mininni, in più circostanze, dal luglio del 2018 fino al giugno del 2019, l’uomo avrebbe tormentato la ex compagna. In particolare, in un’occasione si sarebbe appostato sul pianerottolo della sua abitazione, suonando insistentemente il campanello e sbattendo i pugni contro la porta di ingresso, inviandole nel frattempo messaggi offensivi al cellulare e intimandola che le avrebbe sottratto il figlio minorenne.

Oltre al reato di stalking, al 52enne è contestato anche quello di violazione degli obblighi familiari perché non avrebbe versato il contributo mensile di 650 euro per il mantenimento del figlio (come stabilito dal tribunale di Lecce il 5 maggio del 2018 e confermata dall’ordinanza del 18 giugno dell’anno seguente) e a quelle straordinarie nella misura del 70 percento (poi ridotta al 60).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era diventato l’ombra della sua ex e la minacciava di toglierle il figlio: a processo

LeccePrima è in caricamento