rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Maglie

Esami falsi per 425 pazienti: 5 indagati in un laboratorio di analisi

Secondo le indagini, in un centro a Maglie, sarebbero stati utilizzati materiali scaduti e rilasciati referti fasulli. Ma la difesa è fiduciosa di dimostrare l’estraneità alle accuse

MAGLIE - Un noto laboratorio di analisi a Maglie è sotto la lente della Procura di Lecce. In cinque sono finiti sul registro degli indagati: il titolare, un 55enne di Uggiano La Chiesa, il tecnico, 45enne di Muro Leccese, e tre biologhe, una 45enne di Botrugno, una 38enne e una 37enne di Sogliano Cavour.

Le accuse messe nero su bianco nell’avviso di conclusione dell’inchiesta firmata dalla sostituta procuratrice Francesca Miglietta sono quelle di aver utilizzato, dal dicembre del 2018 al dicembre del 2019, materiale di controllo e calibrazione e reagenti scaduti e di aver redatto ben 425 referti ai pazienti contenenti false attestazioni riguardo l’esecuzione e gli esiti di esami diagnostici ed ematochimici.

Ora che le indagini svolte dal personale del Nas sono giunte al capolinea, gli indagati avranno venti giorni di tempo per produrre memorie difensive e chiedere di essere interrogati.

L’avvocato Luigi Covella, che fa parte del pool difensivo, è fiducioso che attraverso un confronto con la pm si possano chiarire alcuni aspetti di una vicenda definita dallo stesso come “singolare”, non essendo emersi dal capo d’imputazione né i motivi che avrebbero spinto il laboratorio a commettere un falso di questo tipo, né i criteri adottati per considerare fasulli gli esami “incriminati”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esami falsi per 425 pazienti: 5 indagati in un laboratorio di analisi

LeccePrima è in caricamento