Una bomba carta destinata a un elettricista: in frantumi i vetri delle case vicine

L’esplosione nella notte, a Taurisano. Le conseguenze a un muro, al marciapiede e alle finestre delle abitazioni di fronte

Il lieve danno a muro e marciapiede.

TAURISANO – Esplode una bomba carta nella notte: danni a tre abitazioni. E’ mistero sul gesto perpetrato nelle ultime ore, ai danni di un elettricista incensurato del luogo. Ignoti hanno infatti piazzato un ordigno su un marciapiede, nei pressi dell’abitazione dell’artigiano 45enne, in Piazza Pietralaia. La deflagrazione, oltre ad aver svegliato il vicinato, ha perforato parzialmente il muro dell’appartamento e anche una porzione dello stesso marciapiede. I danni maggiori, tuttavia, sono quelli registrati alle due abitazioni di fronte: i vetri delle finestre sono stati mandati in frantumi dall’onda d’urto, ma fortunatamente senza conseguenze a persone.

Sul posto, pochi minuti dopo l’accaduto, gli agenti di polizia del commissariato di Taurisano, diretti dal vicequestore Salvatore Federico. Gli inquirenti hanno subito ascoltato l’elettricista, per sapere se abbia ricevuto minacce o strane richieste negli ultimi tempi. Ma l’artigiano si è mostrato spaesato davanti a quel gesto. Non è stato in grado di fornire indicazioni in merito.

L’appartamento colpito non è dotato di videocamere di sorveglianza, ma i poliziotti stanno cercando altri dispositivi installati nell’isolato che potrebbero fornire altri dettagli utili all’attività investigativa. Il sospetto, almeno al momento, è che si sia trattata  questioni di natura personale. Un’eventualità che però non esclude altre ipotesi, compresa quella di una bravata o di un atto vandalico, sulla quale si cercherà di fare chiarezza anche nel corso della giornata quando il 45enne si recherà presso gli uffici del commissariato per formalizzare la denuncia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento