Colpito dalla sbarra del sottopassaggio di viale Leopardi, depositato l'esposto

E' stato depositato questa mattina, dall'avvocato Giuseppe Milli, l'esposto relativo all'incidente di cui è rimasto vittima il motocilista leccese Giuseppe Enrico Mizzi, di 48 anni. Il legale evidenzia alcune irregolarità

LECCE – Il sistema che regola l’accesso al sottopasso di viale Leopardi non è regolare e non rispetta i criteri standard di sicurezza. A denunciarlo, in un esposto depositato questa mattina in Procura, l’avvocato Giuseppe Milli, legale di Giuseppe Enrico Mizzi, leccese di 48 anni, rimasto vittima di un grave incidente lo scorso 29 dicembre. Il 48enne, mentre procedeva alla guida di un ciclomotore, un Liberty 125, da viale Japigia verso viale Leopardi, è andato a sbattere contro il braccio meccanico, che si è abbassato improvvisamente, seppur non del tutto ma di circa 45 gradi, andando a impattare contro il parabrezza del mezzo e, di rimbalzo, in pieno volto del motociclista.

L'uomo è stato sbalzato dal veicolo e ha perso per qualche minuto conoscenza dopo aver sbattuto violentemente a terra ed essere rotolato verso il fondo del sottopassaggio. Trasportato in codice rosso al Fazzi, è stato subito sottoposto ad un esame tomografico alla testa. Nell’incidente Mizzi ha riportato, come dimostrano i certificati medici allegati dall’avvocato Milli all’esposto, la frattura del setto nasale.

Il sistema all’ingresso del sottovia prevede che, in caso di forti piogge, vi sia l'abbassamento della sbarra per bloccare il traffico in ingresso. La chiusura deve essere preceduto dall'accensione delle sirene e da un allarme sonoro, per dare il tempo agli automobilisti – circa 60 secondi - di fermarsi prima dell'ostacolo artificiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto il sistema di sicurezza è stato installato per prevenire il ripetersi di tragedie come quella che il 21 giugno del 2009 portò alla morte dell'avvocato Carlo Andrea De Pace, ed è stato collaudato definitivamente il 27 dicembre del 2010. Secondo quanto denunciato nell’sposto, però, l’impianto non sarebbe dotato dei sistemi di sicurezza (ad esempio delle fotocellule poste alcuni metri prima dell’ingresso) necessari a impedire che avvengano incidenti come quello capitato a Giuseppe Mizzi. Un sistema lacunoso dunque, che proprio la mattina dell’incidente era stato sottoposto a manutenzione. Gli operai intervenuti il 29 dicembre sono stati già identificati dalla polizia municipale su delega del pubblico ministero Paola Guglielmi, che ha aperto un fascicolo contro ignoti. L’ipotesi di reato è di lesioni gravi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Covid-19, venti nuovi positivi in Puglia. Quattro in provincia di Lecce

  • Dall’epidemiologo “supposte di realismo”: al Sud a rischio il 99 per cento dei cittadini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento