Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Eternit sbriciolato e rifiuti vari nel terreno pubblico

Sequestrati questa mattina dalla forestale di Leccein via Vecchia Surbo, nel capoluogo, tre lotti di terreno sui quali era stato accatastato di tutto, comprese canne fumarie rotte, con amianto sparso

RIMG0071

Su quei terreni, di proprietà pubblica, nel tempo ci hanno gettato praticamente di tutto. E' risaputo come sia una pessima abitudine quella di sbarazzarsi del ciarpame, scaricandolo nelle campagne, lontano da occhi indiscreti, piuttosto che provvedere al suo smaltimento. In alcuni casi, specie per gli scarti di lavorazione e per certi rifiuti speciali, questo può dipendere dai costi. E così, non di rado, anche diverse ditte attive nei settori più disparati, oltre che comuni cittadini, preferiscono scaricare all'aria aperta tutto ciò che ormai non serve più. Creando i presupposti di un grave inquinamento ambientale. Oltre agli ovvi problemi di natura igienico-sanitaria procurati in caso d'incendio, per fare un esempio concerto, certi rifiuti rischiano di invadere in alcuni casi anche la falda acquifera.


Gli agenti della forestale di Lecce hanno messo sotto sequestro questa mattina alcune di queste discariche abusive. Si tratta di tre lotti, per un totale di oltre 300 metri quadri, che sorgono in via Vecchia Surbo, alla periferia nord del capoluogo. I soliti ignoti vi hanno abbandonato abusivamente materiale di risulta edile, frigoriferi, mobili, materassi, sanitari, bitume, pneumatici, vetri e persino alcune canne fumarie di eternit, in quest'ultimo caso frammentate e contenenti presumibilmente fibre d'amianto, dunque particolarmente pericolose, nel caso di dispersione di particelle nell'aria, giacché si tratta di materiale cancerogeno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eternit sbriciolato e rifiuti vari nel terreno pubblico

LeccePrima è in caricamento