Evaso dai domiciliari per rubare la borsa della psicologa. In carcere 53enne

Gli agenti della squadra Mobile hanno eseguito il provvedimento a carico di Augusto Capoccia già denunciato nei giorni scorsi per il furto nell’ambulatorio della “Cittadella della Salute”

LECCE - Aveva violato la restrizione degli arresti domiciliari, imposta il 14 aprile scorso dall’autorità giudiziaria, per dirigersi verso la “Cittadella sella Salute” dell’ex Vito Fazzi di Lecce e compiere un furto, portando via con sé una borsa prelevata da un ambulatorio medico. Individuato dopo le indagini avviate dagli agenti della squadra Mobile e della sezione Volanti delle questura era stato denunciato a piede libero tanto per il furto aggravato quanto per l’evasione dagli arresti domiciliari. Questa mattina però sempre gli agenti della squadra Mobile, diretti dal vicequestore Alessandro Albini, hanno eseguito il provvedimento di arresto presso il carcere di Borgo San Nicola, per Augusto Capoccia, 53enne, che in seguito ai reati contestati si è visto revocare la misura della detenzione domiciliare.

L’uomo era stato denunciato il 23 aprile scorso dai poliziotti che lo avevano individuato a seguito delle indagini avviate dopo la denuncia di una professionista della Asl che aveva segnalato un furto, avvenuto il 21 aprile, presumibilmente tra mezzogiorno e le 13 di quel giorno. Qualcuno che si era introdotto nei locali dell’ex Fazzi aveva infatti sottratto uno zainetto, lasciato sulla sedia accanto alla scrivania, mentre la psicologa stava svolgendo delle consulenze in un ambulatorio adiacente. Gli agenti dopo aver acquisito le immagini di videosorveglianza del complesso sanitario, tramite l’istituto di vigilanza, hanno appurato che l’autore del furto si era introdotto nei vecchio ospedale attraverso una porta di servizio sul retro, in viale Rossini. Qui, attraversando il corridoio, il responsabile del furto era riuscito a raggiungere lo studio della psicologa dove ha trovato lo zaino incustodito. L’autore del colpo è stato immortalato anche durante la fuga, con la borsa a tracolla. I poliziotti hanno subito riconosciuto in Augusto Capoccia, sottoposto ai domiciliari, il responsabile.

A seguito della nuova denuncia il magistrato di sorveglianza, nelle scorse ore, ha disposto per il 53enne la revoca della misura degli arresti domiciliari e il suo trasferimento in carcere eseguito questo mattina dagli agenti della questura leccese.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento