Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Ex case Magno, protesta residenti con mostra fotografica sul degrado

Sale il dissenso delle famiglie che occupano gli alloggi popolari di viale della Repubblica. Le condizioni precarie di vivibilità dei palazzi di proprietà comunale, hanno spinto questa mattina gli inquilini a manifestare in pieno centro, su via XXV Luglio

Le foto scattate dai residenti delle ex case Magno, viale della Repubblica (foto di Andrea Ambrosino)

LECCE – Sale la protesta dei residenti che occupano gli alloggi popolari delle ex case Magno, su viale della Repubblica. Le condizioni precarie di vivibilità dei palazzi di proprietà comunale, hanno spinto questa mattina un gruppo di residenti a manifestare in pieno centro a Lecce, su via XXV Luglio, a pochi passi da piazza Sant’Oronzo, con a seguito una esposizione di fotografie che mettono i risalto le condizioni precarie dei balconi, dei prospetti degli edifici, marciapiedi, verde pubblico. 

Quattordici i punti elencati in un manifesto attraverso i quali i residenti chiedono al Comune di Lecce di attivarsi per risolvere l’annosa questione di edilizia popolare, dall’applicazione 1.54/84 in tutte le sue parti, ai tempi di messa in sicurezza e abitabilità degli immobili.

Ma poi si fa riferimento anche alla “domanda di una relazione dei contratti abusivi, così come sostiene il Comune”, poi, “quale è la situazione dei locali commerciali adibiti da 30 anni in abitazione”, “l’assegnazione di appartamenti con regolare consegna da parte del Comune e inesistenti alla contabilità comunale”.

E sempre sulla questione affitti, chiedono i residenti di sapere qualcosa sui “contratti di locazione assegnati per stato di necessità e relativo canone di affitto, appunto. Ed ancora, una “relazione degli ‘alloggi parcheggio’, diventati così da 30 anni in modo stabile”. Le altre richieste di chiarimento sono inerenti “la messa a norma degli impianti sulla base della normativa Cee, la sistemazione immediata degli impianti idrici in merito alla mancanza di presa di terra e pulizia dei silos mai puliti che forniscono agli alloggi di acqua inquinata”.

Sul versante istituzionale, nel manifesto delle richieste si legge  un “tavolo di concertazione di tutte le forze democratiche presenti in Consiglio comunale e istituzionale, pagamento del vecchio canone di locazione sino alla definizione del problema, anagrafe delle famiglie che occupano gli alloggi di viale della Repubblica, partecipazione  di tutte le forze democratiche e istituzionali, interventi per tutti gli appartamenti di edilizia popolare immettendo risorse economiche nel mercato del lavoro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex case Magno, protesta residenti con mostra fotografica sul degrado

LeccePrima è in caricamento