Cronaca Martano

Ex comandante della polizia municipale condannato per peculato e falso

Iorio secondo l'ipotesi accusatoria il comandante si sarebbe appropriato del denaro che gli giungeva dai commercianti ambulanti

LECCE – Arriva la condanna in primo grado per l’ex comandante della polizia municipale di Martano, Costantino Iorio, 54 anni, accusato di peculato, occultamento di atti e falso.

La sentenza di condanna a 3 anni e quattro mesi è stata pronunciata dai giudici della seconda sezione penale, che hanno anche disposto un risarcimento nei confronti del Comune di Martano, che si è costituito parte civile con l’avvocato Antonio Ferente. Iorio finì ai domiciliari a fine agosto del 2013 su ordinanza di custodia cautelare richiesta del procuratore aggiunto Antonio De Donno, e torno in libertà pochi giorni dopo. Il 54enne, assistito dall’avvocato Carlo Caracuta, ha sempre respinto le accuse mosse nei suoi confronti, spiegando al giudice di non aver mai intascato alcuna somma di denaro pubblico.

Secondo l’ipotesi accusatoria il comandante si sarebbe appropriato del denaro che gli giungeva dai commercianti ambulanti che pagavano la tassa per l’occupazione temporanea di spazi e aree pubbliche con le loro bancarelle, tra fiere e feste paesane. Avrebbe intascato quasi 4mila euro, 3.904 euro per la precisione, ma che potrebbero essere molti di più. Questa è, infatti, solo la cifra che i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Maglie, insieme ai colleghi della stazione di Martano, hanno potuto constatare come prova del reato.

La svolta nell’indagine è avvenuta grazie all’acquisizione documentale disposta dal pubblico ministero, che ha consentito ai carabinieri di dare il via alle perquisizioni e ai sequestri di documenti, bollettari, per esempio, presso il comando della polizia locale di Martano. E agli investigatori sono emerse subito numerose irregolarità nella gestione degli introiti comunali relativi ai pagamenti delle tasse di occupazione di suolo pubblico.

Secondo quanto contestato dall’accusa, nel periodo in cui il 54enne ha iniziato a ricoprire la carica, vale a dire febbraio 2012, fino allo scorso maggio, avrebbe intascato dai commercianti che occupavano suolo pubblico con le loro bancarelle, varie somme. Nello specifico, durante le feste organizzate a Martano come la fiera della Candelora, la festa della Madonna dell’Assunta e finanche per la Notte della Taranta, avrebbe ricevuto denaro per il pagamento della tassa che sarebbe finito direttamente nelle sue tasche, senza utilizzare il bollettino postale, come invece sarebbe dovuto avvenire, anziché nelle casse comunali.

iorio costantino-3Vero è che Iorio rilasciava al commerciante la regolare ricevuta di pagamento staccata dai bollettari comunali, salvo poi disfarsene. Molti di questi bollettari, infatti, non sono stati mai rinvenuti. Ma le bollette rilasciate dal comandante della polizia locale ai commercianti, quelle sì. Gli stessi che i carabinieri hanno rintracciato attraverso vari elenchi di partecipanti alle fiere. Sono stati proprio quei commercianti a consegnare in seguito alla polizia giudiziaria le ricevuta di avvenuto pagamento consegnata loro da Iorio. Il quale, piuttosto che ricevere le somme per mano, avrebbe dovuto veicolare attraverso i bollettari perché venissero versate all’ufficio economato del Comune di Martano.

Cifre confutate e contestate da Iorio e dal suo difensore che, attraverso riscontri documentali e cartacei, sono pronti a dimostrare che non solo il comandante ha sempre versato il denaro nelle casse comunali, ma che neanche un centesimo è stato intascato illecitamente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex comandante della polizia municipale condannato per peculato e falso

LeccePrima è in caricamento