Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Fallimento e bancarotta di due aziende di cucine, quattro le condanne

Cinque anni per l'imprenditore Antonio Calvi, per cui l'accusa ne aveva chiesti nove. I giudici lo hanno assolto da alcuni reati

LECCE – Si chiude con quattro condanne e un’assoluzione, il processo sui presunti illeciti legati alla bancarotta di due società specializzate in cucine componibili. I giudici della seconda sezione penale hanno condannato per bancarotta fraudolenta a 5 anni l’imprenditore Antonio Calvi, 44enne di Gallipoli; e a 3 anni e 6 mesi Davide Calvi, 42 anni. I due imputati sono stati assolti dagli altri reati. Due anni, invece, per Leonardo Campeggio, 40 anni di Parabita; e Fausto Tronci, 55 anni di Vignacastrisi (pena sospesa per entrambi). Assoluzione per Antonio Spiri, 69enne di Taviano.

Al centro della vicenda giudiziaria due aziende: la Cipierre e la New Patriarca. Nel mezzo, secondo l’ipotesi accusatoria e le indagini della Guardia di finanza, un intrico di cessioni, acquisizioni, fallimenti, beni e fondi spariti. Il pubblico ministero aveva chiesto pene per complessivi trent’anni id carcere. Molte elle accuse, però, sono cadute. Se ne riparlerà, con ogni probabilità, in appello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fallimento e bancarotta di due aziende di cucine, quattro le condanne

LeccePrima è in caricamento