Cronaca

Falsa delega per i prelievi dai libretti? Tra i due arrestati un direttore postale

I due indagati si trovano agli arresti domiciliari e saranno sentiti nei prossimi giorni. Prelevati poco meno di 30mila euro

LECCE – Saranno sentiti nei prossimi giorni, nel corso dell’interrogatorio di garanzia, Pierluigi Porpora, 61anni, direttore della filiale delle Poste di via Archita da Taranto a Lecce, e Gianluca De Gennaro, 43enne leccese, arrestati su ordinanza di custodia cautelare (entrambi si trovano ai domiciliari) con l’accusa di falso e furto. Porpora è stato arrestato venerdì scorso, mentre la misura è stata notificata a De Gennaro solo ieri, al rientro a Lecce dopo un viaggio all’estero. I due indagati sono assistiti dagli avvocati Carlo Sariconi e Alberto Erroi.

Secondo quanto ipotizzato dall’accusa, l’inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore Giovanni Gagliotta, gli arrestati avrebbero, in concorso tra loro (Porpora come pubblico ufficiale), emesso una falsa delega a operare (datata 6 febbraio 2015) su due libretti postali intestati alla nonna di De Gennaro. Libretti da cui il 43enne avrebbe prelevato le somme di 27mila e 919 euro e 2655 euro. I prelievi sarebbero avvenuti anche dopo la morte della titolare dei libretti, avvenuta nel 2015, dopo una lunga degenza ospedaliera.

A dare avvio alle indagini della polizia giudiziaria, la denuncia di alcuni parenti della donna, dopo aver costatato i prelievi eseguiti. Dinanzi al gip i due indagati potranno dimostrare la liceità del loro operato, in particolare se sia stata rispettata la procedura prevista dalla legge per la delega a operare sui libretti nei casi in cui il titolare è impossibilitato a raggiungere l’ufficio postale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsa delega per i prelievi dai libretti? Tra i due arrestati un direttore postale

LeccePrima è in caricamento