False delibere per il trasporto scolastico, assolti due dirigenti

Per l'accusa, Accogli e Panico avevano formato due false delibere per autorizzare una ditta di trasporti a effettuare corse aggiuntive per il tragitto da Depressa a Tricase

TRICASE - Rischiavano un anno e nove mesi di reclusione in uno dei processi scaturiti dall’inchiesta su presunti illeciti legati al servizio di trasporto scolastico a Tricase. Ma anche questo si è concluso con un’assoluzione.

E’ il verdetto emesso dal giudice Valeria Fedele nei riguardi di Maria Rosaria Panico, 61 anni, e Francesco Accogli, 67, entrambi di Tricase, finiti al banco degli imputati, la prima nelle vesti di vice segretario (responsabile del settore Amministrazione generale e servizi al cittadino) e l’altro, di responsabile del servizio del Comune di Tricase.

Erano accusati di aver formato due false delibere con le quali la ditta “Viaggi Sperti Fabrizio” veniva autorizzata a effettuare corse aggiuntive per il tragitto da Depressa a Tricase degli alunni delle elementari e medie a un costo complessivo di 5mila euro, dal 1° ottobre al 31 dicembre 2012. 

A sostegno dell’impianto accusatorio c’erano alcune difformità riscontrate nei due atti: in uno per esempio veniva indicata “la Giunta comunale”, nel secondo “l’Amministrazione comunale”. La difesa (rappresentata dagli avvocati Luciano De Francesco e Francesco Galluccio Mezio) ha cercato di dimostrare che in realtà la delibera era sempre stata una, ma che per un errore era andata a finire sull’albo pretorio anche una bozza.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento