Favoreggiamento della prostituzione, l'accompagnatore finisce nei guai

Sulla provinciale 359 i carabinieri di Porto Cesareo hanno sorpreso un bulgaro che stava trasportando la giovane sul luogo prescelto

Una prostituta sulla provinciale 359 (repertorio)

NARDO’ – Da anni i margini della strada provinciale 359, meglio nota come Nardò-Avetrana, specie nei dintorni di Porto Cesareo, è fra le località preferite da diverse prostitute in attesa di clienti. E qui, di recente, in maniera piuttosto regolare, si trovava anche una 23enne straniera, in Italia senza fissa dimora.

Per scoprire se dietro vi fosse qualcuno a tirare le redini di quello che resta un business lucroso, i carabinieri della stazione di Porto Cesareo hanno avviato una serie di osservazioni e appostamenti, proprio a contrasto dello sfruttamento della prostituzione. Un’attività investigativa li ha portati così a scoprire il luogo preciso dove un bulgaro 28enne, Georgiev Antonov Svetlin, residente a Monteroni di Lecce, accompagnava la ragazza.

antonov svetlin1-3Proprio oggi, è stato fermato dai carabinieri, mentre si recava sulla provinciale alla guida di un’Audi A4 Avant, con a bordo la ragazza. Fermato, è stato dichiarato in arresto per favoreggiamento della prostituzione. L’autovettura è stata sequestrata. Il 28enne bulgaro, confinato agli arresti domiciliari, su disposizione del pubblico ministero di turno. Al momento non è emerso se l'uomo prendesse denaro. Né lui, tantomeno la 23enne, hanno rilasciato dichiarazioni ai carabinieri.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento