Fermato a bordo di uno scooter con circa mezzo chilo di cocaina, patteggia

Tre anni e mezzo e 12mila euro di multa il 26enne già condannato in passato per assalti al cantiere Tav di Chiomonte del 2013

LECCE – Ha patteggiato una condanna a 3 anni e mezzo di carcere e 12mila euro di multa, Graziano Mazzarelli, 26enne di Lecce, fermato il 28 marzo scorso dalla Squadra mobile di Lecce con mezzo chilo di droga. Mazzarelli è stato fermato alla periferia del capoluogo, in via Adriatica. Era alla guida del suo scooter Kimco. Gli investigatori, evidentemente, dovevano tenerlo d’occhio da diverso tempo e durante un controllo nel ciclomotore, hanno trovato nel bauletto cocaina per circa 500 grammi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 28enne è assistito dall'avvocato Francesco Calabro, che ha concordato la pena con il pubblico ministero titolare del procedimento. Mazzarelli è uno dei giovani condannati nel 2015 a due anni e dieci mesi, con pena sospesa, per l’assalto al cantiere di Chiomonte da parte di attivisti No Tav avvenuto la notte tra il 13 e il 14 maggio del 2013. Le indagini furono portate avanti dalla Digos. Per le stesse vicenda la Procura torinese aveva invocato una condanna più severa, contestando le finalità di terrorismo, non riconosciute in Cassazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

  • Omicidio di Lecce. La criminologa: “Obiettivo dell’assassino entrambi i fidanzati”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento