Avvicinava in modo gentile donne sui treni per molestarle: un fermo

Un ragazzo originario del Togo avrebbe importunato diverse vittime, approfittando dell'isolamento della carrozza, o del loro sonno

Gli agenti della Polfer sul convoglio

LECCE - Nei giorni scorsi la Polizia ferroviaria, a seguito di approfondite indagini, ha effettuato un fermo nella stazione di Bari a carico di un cittadino extracomunitario gravemente indiziato di aver molestato diverse donne in treno. In particolare, l’indagine era iniziata nei mesi scorsi quando gli agenti della Polfer di Lecce hanno raccolto una denuncia da parte di una donna, per tentata violenza sessuale a bordo di un treno Intercity nelle prime ore della mattinata.

Le immediate indagini, svolte anche grazie all’efficace collaborazione e memoria della vittima e di altri testimoni, hanno consentito di risalire, attraverso il solito modus operandi, all’autore delle molestie, già denunciato anni addietro per un analogo reato, commesso a bordo di un convoglio e anche per l’aggressione ad un funzionario di polizia, intervenuto per calmare l’uomo. Trattandosi tuttavia di individuo senza fissa dimora, una ulteriore difficoltà è stata determinata dal modo in cui rintracciarlo. Ma davanti ad altre molestie nei confronti di donne - una delle quali ha riconosciuto il presunto autore – e considerati ulteriori accertamenti effettuati sugli stessi treni, nei giorni scorsi gli agenti hanno fermato nella stazione di Bari K.R., un ragazzo originario del Togo, nei confronti è stata disposta la misura cautelare del fermo di polizia, visto il pericolo di fuga e quello di reiterazione del reato

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo avrebbe avvicinato le presunte vittime con modi affabili, parlando correttamente in lingua italiana e approfittando dell’isolamento dei vagoni o del sonno per molestarle. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi in relazione alle varie Procure interessate. La Polizia ferroviaria invita eventuali altre vittime a rivolgersi ai propri uffici per ulteriori sviluppi investigativi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento