Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca

Festa di Sant'Oronzo da quest'anno fatti più in là

Niente luminarie su via XXIV Luglio, viale Lo Re e via Marconi. Lì dove il mezzo cielo urbano è dominato dai cavi elettrici del filobus. Cuore della Festa diventa il centro storico di Lecce

Le luminarie ad arco nella passata edizione della festa in onore del Santo patrono di Lecce

Festa di Sant'Oronzo fatti più in là. Nel centro storico, che è meglio. Perché gli archi e le colonne incastonate da 250mila lampadine colorate, ad iniziare da quest'anno, non potranno più essere montati lì dove il mezzo cielo urbano è dominato dai cavi elettrici predisposti per l'alimentazione del filobus. Via XXIV Luglio, viale Lo Re, viale Marconi, tanto per citare alcune strade centrali di Lecce, oggi non sono più in grado di ospitare le tradizionali luminarie a causa di un problema, come dire, tecnico. Il classico arco illuminato, tripudio della scenografia in onore dei santi Oronzo, Giusto e Fortunato, è alto 12 metri e largo 9, dimensioni che soprattutto in altezza supererebbero abbondantemente i cavi elettrici della metropolitana di superficie.

E così, da quest'anno, 24-25-26 agosto, si ritorna al passato. Come quando una quindicina di anni fa, l'amministrazione comunale di allora pensò di spostare le luminarie proprio nel centro storico, anche se la strategia che all'epoca adottò Palazzo Carafa ruotò intorno al rilancio della città vecchia. Oggi, invece, il centro storico, diventa naturale contenitore della Festa perché l'altra parte della città si prepara a viaggiare sul filobus.

"La novità per questa edizione della festa in onore di Sant'Oronzo in fatto di luminarie è proprio il cambio della location - dice Cesareo De Cagna, titolare dell'omonima ditta di Maglie - perché i cavi del filobus non ci avrebbero potuto comunque permettere di montare le strutture sulle strade dove per tutti questi anni si è svolta la festa, a parte la piazza centrale di Lecce, ovviamente. Motivo per il quale - aggiunge - allestiremo le vie principali del centro storico, addobbando inoltre Porta San Biagio, Porta Rudiae e Porta Napoli. Dovremo coprire un'area di circa 2.500 metri lineari, che non è poco, ma prevediamo un colpo d'occhio davvero suggestivo. Certo - aggiunge - c'è chi avrebbe voluto che le luminarie fossero montate sulle strade, diciamo, tradizionali, viale Lo Re, viale Marconi, ma questo sarebbe stato davvero impossibile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa di Sant'Oronzo da quest'anno fatti più in là

LeccePrima è in caricamento