menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

"Filmavo gli uccelli, mi ha spaccato gli occhiali e preso la videocamera"

Presso i carabinieri di Monteroni, segnalata una vicenda per la quale si è risaliti a un leccese. Tutto avvenuto a Porto Cesareo

MONTERONI DI LECCE – Praticare il birdwatching (dall’inglese, osservazione degli uccelli. E nessuno maligni: parliamo di volatili sugli alberi o che sbattono le ali lieti in cielo) può costare molto caro. E’ successo a un uomo che all’improvviso se n’è trovato davanti  un altro, il quale, senza troppi complimenti, gli ha assestato un pugno, spaccandogli gli occhiali, e poi gli ha strappato di mano una videocamera.

Tutto, forse, per un malinteso. Questo, per la verità, non s’è ben capito. Ma è probabile, visto che chi ha sporto denuncia, ha raccontato di trovarsi in una zona rurale a ridosso di Porto Cesareo, appunto, per filmare l’avifauna. Ma chi l’ha malmenato e, di fatto, depredato, forse temeva che stesse riprendendo lui.

La storia è, invero, suggestiva ed è stata denunciata nero su bianco presso la stazione dei carabinieri di Monteroni di Lecce. Davanti ai militari, il malcapitato con gli occhiali storti e le lenti rotte, deprivato della sua preziosa videocamera, ha spiegato che mentre si trovava nella località rivierasca a farsi i filmati suoi, è stato improvvisamente affiancato da un altro uomo, arrivato a bordo di una Fiat Punto, il quale, prima gliene ha dette di tutti i colori, poi gli ha fracassato gli occhiali, infine gli ha portato via la videocamera. Ovviamente, allontanandosi in fretta.

Ma un birdwatcher che si rispetti ha sempre una seconda opzione e così, nonostante la vista obnubilata per l’assenza di lenti, ha impugnato il suo smartphone e s’è rimesso a filmare con la videocamera integrata. E questa volta, proprio l’autovettura, riprendendone la targa. Ha poi consegnato il materiale ai carabinieri, che sono risaliti a un 46enne residente a Lecce.

Già, ma cosa sarà successo? C’erano altre persone di mezzo in questa strana storia? Non c’è che da concludere con una celeberrima massima desunta da “I mohicani di Parigi” di Alexandre Dumas: "Il y a une femme dans toute les affaires; aussitôt qu'on me fait un rapport, je dis: 'Cherchez la femme'”. Ma per ora, non è stata identificata alcuna donna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento