Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Finisce con l'auto nel Tevere: morto leccese di 23 anni

Roma: alle 4 di questa mattina l'auto di Alfredo Maria Capaldo ha sfondato il parapetto del Ponte Palatino, facendo un volo di una decina di metri. Forse con lui un'altra persona

Ponte Palatino a Roma

Si era trasferito a Roma da qualche tempo, con la famiglia, e nella capitale frequentava gli studi universitari. Ma era nato e cresciuto a Lecce, dove aveva frequentato le scuole ed era molto conosciuto. Alfredo Maria Capaldo, 23 anni, nipote di un noto radiologo, ha perso la vita alle 4 di questa mattina, in circostanze tremende e ancora in fase di ricostruzione da parte delle forze dell'ordine.

La sua auto, una Mini Cooper, ha sfondato il parapetto del Ponte Palatino, facendo un drammatico volo di almeno una decina di metri. Le ricerche devono accertare, fra le varie cose, anche l'eventuale presenza di un altro passeggero, che, secondo un testimone oculare, si sarebbe trovato nell'auto con il giovane leccese.


Secondo una primissima ricostruzione, l'auto avrebbe preso con le ruote uno spartitraffico al centro della carreggiata, il quale avrebbe a sua volta funto da leva, facendola finire sulla grata di ferro. Una volta sfondata questa, il veicolo avrebbe impattato contro l'argine, per poi finire in fondo al fiume.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finisce con l'auto nel Tevere: morto leccese di 23 anni

LeccePrima è in caricamento