Cronaca

Finisce sul litorale romano la fuga della 29enne omicida, si nascondeva con il nuovo compagno

Si nascondeva in un'anonima villetta di Tor San Lorenzo, piccolo comune del litorale romano. Quando i carabinieri hanno fatto irruzione, poco dopo le 12, è stata presa dallo sconforto di chi vede in un attimo svanire i sogni di fuga e libertà. E' finita dopo 14 giorni la fuga di Rosa Della Corte

LECCE – Si nascondeva in un’anonima villetta di Tor San Lorenzo, piccolo comune del litorale romano. Quando i carabinieri hanno fatto irruzione, poco dopo le 12, è stata presa dallo sconforto di chi vede in un attimo svanire i sogni di fuga e libertà. Presa dalla disperazione ha anche finto di essere straniera. E’ finita dopo 14 giorni la fuga di Rosa Della Corte, la ragazza di 29 anni di Casandrino condannata a 18 anni per l’omicidio del fidanzato (il militare Salvatore Pollasto, assassinato il 4 aprile del 2003). La donna sarebbe dovuta rientrare in carcere a Lecce lo scorso 22 agosto, entro le 10. Da allora, però, di Rosa (che stava usufruendo di un permesso premio) si erano perse le tracce. Con lei c’era il suo fidanzato, Lorenzo Trazza, 26enne di Muro Leccese. La fuga d’amore tra i due è terminata il 2 settembre, quando Trazza, dopo aver interrotto il legame che lo legava alla donna, si è presentato presso i carabinieri di Roma Eur e successivamente ha riabbracciato la sua famiglia, rimasta in apprensione temendo per la sua incolumità.

Le indagini incessanti dopo gli ultimi avvenimenti, coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Lecce, Stefania Mininni, sono state condotte sul campo dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Maglie (guidati dal capitano Luigi Scalingi e dal tenente Rolando Giusti), in collaborazione con il comando di polizia penitenziaria di Lecce e con l’ausilio investigativo dei militari delle compagnie di Anzio e Ostia e della squadra mobile di Reggio Emilia. Un pool di investigatori (nell'ambito dell'operazione denominata "run away") che con una perfetta sinergia e un lavoro comune, svolto sotto l’egida della Procura, hanno arrestato e condotto in carcere la fuggitiva, che si trova ora a Rebibbia. Domani Rosa Della Corte sarà giudicata per direttissima per il reato di evasione.

Attraverso l’analisi di numerosi tabulati telefonici di parenti e amici dell’evasa, è stato individuato prima il nuovo numero di cellulare utilizzato da Rosa e successivamente, attraverso un tracciamento di celle, la località di Ostia dove la stessa ha soggiornato negli ultimi giorni. In seguito, mediante intercettazione telefonica dell’utenza, gli investigatori hanno captato, nella tarda serata di ieri, una telefonata a un parente di Reggio Emilia. Gli inquirenti da quel momento hanno cercato incessantemente di capire l’eventuale collegamento nella zona di Tor San Lorenzo, dove è posizionata la cella agganciata dal telefono.

Ai riscontri tecnici e telefonici sono uniti quelli sul campo, attraverso l’acquisizione di importanti informazioni sul territorio, che hanno portato all’individuazione dell’abitazione di un cittadino romeno che ha ospitato la 29enne e con cui ha stretto amicizia nei giorni della sua latitanza. Grazie alla preziosa collaborazione dei carabinieri di Anzio, puntualmente indirizzati e coordinati dal Nucleo operativo di Maglie, questa mattina i militari hanno fatto irruzione nella villetta di Tor San Lorenzo, e Rosa Della Corte è stata arrestata mentre era ancora in compagnia del romeno, la cui posizione è tuttora al vaglio degli inquirenti. L’uomo potrebbe essere indagato per favoreggiamento o concorso in evasione.

Gli elementi raccolti nel corso delle indagini hanno permesso di stabilire che la fuga della 29enne è stata preparata con cura. Dopo aver eliminato ogni traccia della corrispondenza con l’ex fidanzato (fondamentali si sono rivelate le lettere che il 26enne ha conservato per amore), la donna si è procurata una nuova utenza telefonica.  Anziché prendere il treno per Lecce, ha raggiunto la stazione di Aversa, per dirigersi verso il litorale romano. Le indagini dovranno stabilire chi, tra parenti e amici, fosse a conoscenza de piano di evasione e in queste due settimane abbia aiutato la fuggitiva. Rosa Della Corte avrebbe finito di scontare la pena nell’aprile del 2017, e presto avrebbe ottenuto (con ogni probabilità) i domiciliari. La sua fuga, improvvisa e inaspettata (aveva già usufruito di numerosi permessi premio) ha interrotto un percorso iniziato nel settembre del 2011, quando aveva varcato le porte del carcere di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finisce sul litorale romano la fuga della 29enne omicida, si nascondeva con il nuovo compagno

LeccePrima è in caricamento