Finiscono in fiamme due autovetture, notte rovente a Melissano

Danneggiata la parte anteriore di una Punto, distrutta, invece, una Smart. Le autovetture di due incensurati senza collegamenti fra loro. Le cause sono da accertare. Sul posto si sono recati vigili del fuoco e carabinieri

Foto di repertorio.

MELISSANO – Notte infuocata – nel vero senso della parola – a Melissano, dove, a partire dalle 2,30 circa di notte, i vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli sono stati impegnati nello spegnimento di due incendi ad altrettante autovetture. Il primo rogo ha riguardato una Fiat Grande Punto di proprietà di un 43enne, commerciante di oli per alimenti. In questo caso, le fiamme hanno interessato la parte anteriore dell’autovettura.

E’ andata, invece, completamente distrutta una Smart, che poco dopo ha preso fuoco in un altro punto del paese, in via Salvator Rosa (circa 500 metri di distanza dal luogo del primo rogo). In questo caso, l’auto era intestata a una 49enne che lavora in un call center.

Oltre ai vigili del fuoco, sui luoghi si sono recati i carabinieri del Norm di Casarano e della stazione locale. Le cause, tecnicamente, sono da accertare, non essendo state trovate tracce di liquido infiammabile o altri elementi che riconducano in maniera inequivocabile a un atto doloso. Nessuna delle due vittime di questi danneggiamenti – che siano fortuiti o meno – ha precedenti; tantomeno vi è un collegamento fra loro. Saranno setacciate le zone per capire se vi siano videocamere attive che possano aver immortalato qualcosa.     

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento