Si finsero carabinieri per rapinare turisti dinanzi a una discoteca, due condanne

Per mettere a segno una rapina all'esterno di una discoteca, in una calda notte d’agosto, si finsero carabinieri. GDue giovani originari diBari si appostarono nei pressi della discoteca BluBay di Castro. Oggi sono stati giudicati con il rito abbreviato e condannati a due anni e dieci mesi per rapina aggravata dal gup Michele Toriello

LECCE – Per mettere a segno una rapina all'esterno di una discoteca, in una calda notte d’agosto, si finsero carabinieri. Giorgio Picca, 29enne, e Nicola Marena, di 27 anni, entrambi di Bari e già noti alle forze dell’ordine, si appostarono nei pressi della discoteca BluBay di Castro. Tutto cominciò con un finto controllo che i due, spacciandosi per forze dell’ordine, eseguirono nei confronti di due ignari turisti 22enni. I ragazzi furono prima accecati con una potentissima torcia a led, poi strattonati e spinti contro un muro, con l’ordine perentorio di non voltarsi e il pretesto di dover ricercare la droga nascosta.

Un escamotage per sottrare il denaro delle vittime, poche decine di euro. Lasciati liberi i due malcapitati chiamare subito il 112 raccontando ciò che era avvenuto.  Immediato l’intervento dei “veri” carabinieri. I militari delle stazioni di Specchia e Spongano, coordinati dai colleghi della compagnia di Tricase diretta dal capitano Simone Clemente, in pochi minuti, grazie alle testimonianze e alla descrizione fornita dalle vittime, individuarono i due e li arrestarono mentre trascorrevano la serata in discoteca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi Picca e Marena sono stati giudicati con il rito abbreviato e condannati a due anni e dieci mesi per rapina aggravata dal gup Michele Toriello. I due, secondo quanto previsto dalla legge per pene inferiori ai tre anni, hanno lasciato il carcere e sconteranno la pena ai domiciliari. Una delle vittime si è costituito parte civile con l’avvocato Silvio Giardiniero

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento