Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Vigile urbano rischia il processo: dopo multe per il gip attesta falsamente i fatti

Indagato un agente di polizia municipale di Cavallino. Il reato riqualificato da alsità ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici. Il pm aveva chiesto l'archiviazione per l'ipotesi di abuso d'ufficio. La denuncia dell'ex presidente di "Ala Azzurra"

LECCE – Dal verbale (anzi i verbali) si è finiti in tribunale. Rischia il processo un vigile urbano in servizio a Cavallino, leccese di 52 anni. A trascinarcelo, Mario Spagnolo, 41enne, presidente dell’associazione di protezione civile “Ala Azzurra” di Lecce, proprietario del mezzo coinvolto nella vicenda, una Nissan Navara, anche sulla scorta di due testimonianze, quelle rese dai colleghi Eleonora Nicolardi (che si trovò con Spagnolo, all’epoca dei fatti, nel mezzo di un acceso diverbio), e Antonio Conte, che poi lo accompagnò il 2 agosto dello scorso anno presso la caserma dei carabinieri di Cavallino per sporgere denuncia, sotto l’assistenza dell’avvocato Salvatore De Mitri.

I fatti risalgono dunque all’estate scorsa. La vicenda è particolare anche perché il pm Antonio Negro aveva richiesto l’archiviazione, non ritenendo sussistente il reato di abuso d’ufficio. Il legale di Spagnolo ha però presentato opposizione, motivandola con il fatto che il reato consumato sarebbe stato quello di falsità ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici, che il gip Annalisa De Benedectis, nel corso di un’udienza camerale, ha accolto, disponendo il ritorno degli atti al pm.

Stando a quanto ricostruito, l’agente avrebbe prima contestato a Spagnolo il fatto che il mezzo non sarebbe stato in sosta il più vicino possibile al margine della carreggiata di via Galilei, nel rione Castromediano, come prevede l’articolo 157 del codice della strada in merito alla norma su “arresto, sosta e fermata dei veicoli”, e subito dopo di avere la patente scaduta. Fatto, quest’ultimo, innegabile. Era effettivamente scaduta. Il problema è che Spagnolo ha sempre sostenuto di non aver certo condotto quel mezzo, ma che, piuttosto, vi fosse la sua collega. 

L’allora presidente dell’associazione di protezione civile e la collega hanno spiegato agli inquirenti di essersi avvicinati al vigile per contestare il verbale riguardante la prima infrazione, ritenendola assolutamente immotivata. Nata una discussione, l’agente avrebbe richiesto a Spagnolo un documento d’identità. Questi avrebbe consegnato la patente (non avendo altri documenti addosso in quel momento), spiegando però chiaramente come fosse scaduta il giorno prima e in procinto di essere rinnovata e che proprio per tale motivo avrebbe fatto condurre la Nissan ad Eleonora Nicolardi. Cosa confermato dalla donna. Sarebbe stata lei a parcheggiare il veicolo.

L’agente avrebbe replicato che era comunque un documento valido per l’identificazione, salvo poi stilare il secondo verbale proprio per via della patente scaduta, riportando la dicitura “il trasgressore nulla dichiara”.

Anche quest’ultimo fatto è stato fortemente respinto da Spagnolo e la collega, visto l’acceso dibattito e le polemiche innestate da tutto quel fioccare di contravvenzioni.

Stando a quanto rilevato dal legale difensore dell’uomo, questi avrebbe sottoscritto le multe senza realmente comprendere il significato di quanto stesse avvenendo, vista la concitazione del momento.  Sta di fatto che, accompagnato in seguito dal suo collega Antonio Conte in caserma, Spagnolo sarebbe anche stato colto da un malore e soccorso da personale del 118.

Per l’avvocato De Mitri, l’agente è da processare in quanto avrebbe nascosto la situazione reale e la propria condotta, attestando falsamente i fatti. E i due verbali (peraltro contestati presso il giudice di pace) sarebbero da considerarsi a tutti gli effetti atti pubblici.   

Il giudice per le indagini preliminari ha accolto questa tesi, riqualificando il reato soprattutto sulla base del presupposto che, dalle sommarie informazioni raccolte, il verbale sarebbe stato redatto non in un momento in cui Spagnolo (che ha già preannunciato di voler devolvere in beneficenza l'eventuale quota proveniente da un risarcimento danni) si trovava alla guida, ma per strada a chiedere informazioni e che non vi sarebbero motivi di ritenere inattendibili le dichiarazioni rese da lui e dalle altre persone ascoltate.

L'agente, dal canto suo, che è difeso dall'avvocato Corrado Passaby, ritiene di aver svolto il suo dovere nella maniera più opportuna. I fatti si sarebbero svolti in maniera completamente differente, rispetto a quanto denunciato, e se de un lato si difenderà nelle sedi opportune (il caso è comunque tutto ancora da stabilirsi), dall'altro potrebbe procedere ulteriormente a tutela della propria onorabilità.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigile urbano rischia il processo: dopo multe per il gip attesta falsamente i fatti

LeccePrima è in caricamento