Cronaca

Morto travolto dal fango durante i lavori sulle condutture: sei indagati

L'ipotesi di reato contatata dal pm di Brindisi, Manuela Pellerino, è di cooperazione in omicidio colposo. Angelo Reschi, 38enne di Aradeo, è morto ieri mattina a Francavilla Fontana, durante alcuni lavori alle tubature dell'Acquedotto pugliese. L'autopsia si terrà il prossimo 3 settembre

Foto per gentile concessione del quotidiano brindisino Senzacolonne.

BRINDISI – Ci sono sei persone iscritte nel registro degli indagati, a seguito della morte dell’operaio Angelo Reschi, 38enne di Aradeo, avvenuta ieri a Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi. Le indagini sono affidate ai carabinieri della compagnia della Città degli Imperiali e coordinate dal pubblico ministero di Brindisi, Manuela Pellerino.

L'ipotesi di reato, secondo quanto riporta una nota dell’Ansa, è di cooperazione in omicidio colposo. Fra gli indagati risulterebbero anche i responsabili della ditta. Tutti potranno nominare un consulente di parte per assistere all’autopsia, che sarà svolta dal medico legale Antonio Carusi il prossimo 3 settembre.

Reschi, nato a Galatina ma residente ad Aradeo, stava prestando ieri la propria manodopera in un cantiere nei pressi del castello di Francavilla per conto di una ditta con sede a Galatina. Durante la manutenzione di alcune condotte dell’Acquedotto pugliese, in via Barbaro Forleo, uno dei tubi ha ceduto o, addirittura, sarebbe esploso, provocando una voragine sul manto stradale.

L’operaio si sarebbe ritrovato travolto da un potente getto di acqua, mista a fango, che non gli ha lasciato scampo. Per lui non c’era più nulla da fare, all’arrivo dei sanitari 118. Sconvolgente il destino della famiglia Reschi. Un episodio analogo avvenne quando Reschi aveva appena un anno. Suo padre, anche lui operaio, morì in un incidente di lavoro, a 38 anni. La stessa età di suo figlio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto travolto dal fango durante i lavori sulle condutture: sei indagati

LeccePrima è in caricamento