In centinaia tra rose, palloncini e tutù: l’ultimo saluto a Luna, “stella” della danza

La messa è stata celebrata nel pomeriggio da monsignor Seccia e trasmessa in Piazza Duomo da un altoparlante: la compagnia di danza ha omaggiato la giovane scomparsa con un balletto

Piazza Duomo gremita per l'ultimo saluto a Luna.

LECCE – Una gigantografia di Luna in tutù davanti all’altare, stampata dalla sua amica d’infanzia. È uno dei tanti gesti che i giovani  compagni di scuola di Luna hanno preparato per l’ultimo saluto di questo pomeriggio, in Piazza Duomo, a quattro giorni da quella maledetta sera in cui ha perso la vita ad appena 16 anni nell’incidente stradale in viale Giovanni Paolo II. Si sono presentati in centinaia, sotto il sole del primo pomeriggio, per attendere la santa messa celebrata da monsignor Michele Seccia.

Ma, visto l’obbligo di distanziamento sociale imposto dall’emergenza sanitaria in corso, nel luogo di culto hanno potuto avere accesso soltanto in 150. Per tutti gli altri la possibilità di ascoltare l’omelia dell’arcivescovo direttamente dall’altoparlante, pensato in previsione di una grande partecipazione. “Non sappiamo perché ci è stata tolta, ma ringraziamo perché ce l’hai fatta conoscere. Perché ce l’hai messa davanti”, sono state le parole di un tentato conforto di monsignor Seccia a una famiglia amputata dal dolore, piegata da un lutto prematuro e inspiegabile. Luna, studentessa al Liceo classico Palmieri, lascia infatti una grande famiglia composta dai due genitori ma anche da una sorella gemella, un fratello di poco più grande e uno di soli sei anni.

Decine di studenti della stessa scuola, coordinati da mamme e docenti, si sono presentati in camicia biancIMG_0170-3-3a e con una rosa dello stesso colore in mano, per omaggiare il ricordo della ragazzina scomparsa nella serata di domenica, sbalzata dallo scooter condotto da un coetaneo, ora in fase di lieve ma speranzoso miglioramento e ricoverato con diverse fratture su tutto il corpo. “Luna era molto conosciuta e le volevamo tutti bene”, dichiarano alcuni studenti del Liceo Palmieri, che frequentano un’altra classe dello stesso istituto. "Eravamo praticamente un unico gruppo".

Ad accoglierla anche tante ragazzine ricoperte di tulle che, con la giovane vittima, condividevano la passione per la danza classica. Frequentavano la compagnia “Balletto del sud” di Fredy Franzutti, dove Luna si era rivelata una “stella”. Un piccolo prodigio che ambiva al Teatro della Scala, se solo un banale sinistro in città non le avesse tarpato le ali. Un gruppetto di giovanissime ballerine ha salutato l’amica scomparsa danzando al momento dell’uscita del feretro. Un momento di grazia, che ha quasi reso i cuori leggeri. Lievi come quei tutù e come il palloncino a forma di “luna” che è volato via, sulle note di Thaikovsky.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento