rotate-mobile
Cronaca Nardò

Furti a raffica e fughe spericolate, condannato ladro seriale

E' di sei anni e otto mesi di reclusione la condanna inflitta al 29enne neretino arrestato nel novembre del 2023 per aver messo a segno diversi colpi con "spaccata" a Nardo

NARDO' - Si è chiuso con una condanna a sei anni e otto mesi di reclusione, più il pagamento di una multa di 4.667 euro, il processo abbreviato nei riguardi di Gianluca De Paola, il 29enne neretino arrestato il 21 novembre del 2023 con l’accusa di aver messo a segno, nei giorni precedenti, una serie di furti con “spaccata” a Nardò.

Non appena saranno depositate le motivazioni del verdetto (entro quindici giorni) emesso ieri dal giudice del tribunale di Lecce Marcello Rizzo, la difesa, rappresentata dall’avvocato Salvatore Rollo, valuterà il ricorso in appello.

Diversi gli episodi attribuiti al 29enne, le cui responsabilità furono accertate - soprattutto grazie alla visione dei filmati ripresi dalle telecamere di sorveglianza - dagli agenti del commissariato neretino durante le indagini svolte sotto la guida della sostituta procuratrice Erika Masetti e ammesse dallo stesso, dopo l’arresto.

In particolare, dinanzi al gip Sergio Tosi, firmatario dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, De Paola affermò: “Giudice, se sostiene che sia io il responsabile, sarà di certo così. Io però non riesco a ricordare molto, perché ero sotto l’effetto di sostanze stupefacenti”.

Il primo colpo risale al 1° novembre 2023, con il furto ai danni del bar New Pergola di via XXV Luglio. Qui, il 29enne, arrivato a bordo di una Vespa, dopo aver sfondato a calci la vetrata della porta d’ingresso, sarebbe riuscito a impossessarsi  del cassetto del registratore di cassa, dove erano custoditi circa 300 euro.

Il secondo, il 6 novembre, ai danni del ristorante Bontà d’Oriente di via Martiri Neretini, dove De Paola sarebbe riuscito a introdursi dopo aver sfondato con lo scooter la porta per poi fuggire con un bottino tra i 100 e i 200 euro.

Altri quattro furti sarebbero stati compiuti nella stessa giornata, il 14 novembre: uno presso la Salumeria da Christian di via Volta, per circa 200 euro, compiuto con un complice e usando la ruota anteriore di una Vespa (poi risultata, dalla targa, rubata) per sfondare la vetrata; l’altro, sempre con un complice, nella pizzeria Rosty Pizzamania di via Bonfante, sfondando l’ingresso a calci.

Quel giorno, De Paola, essendo sospettato, fu accompagnato in commissariato ma, temendo l’arresto, si diede alla fuga lanciandosi da una finestra. Non pago, in serata, si sarebbe reso responsabile di altri due colpi, sempre con “spaccata”: ai danni di un’edicola, e al bar New Roses di corso Galliano, per un bottino di circa 60 euro.

Appostati sotto casa sua, la notte del 15 novembre, i poliziotti provarono a fermarlo mentre era al volante di una Vespa, ma anche in questa circostanza riuscì a dileguarsi, facendo perdere le proprie tracce fino al 21 novembre, quando manette ai polsi, fu accompagnato nel carcere di “Borgo San Nicola”, dove è tuttora recluso.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti a raffica e fughe spericolate, condannato ladro seriale

LeccePrima è in caricamento