Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Una banda di ladri si aggira fra Gallipoli e Alezio: è boom di furti in abitazioni

I due comuni al centro di un fenomeno crescente. I malviventi scelgono villette e abitazioni singole delle periferie. Agiscono soprattutto nel fine settimana. E provocano danni per decine di migliaia di euro. Probabilmente sono individui della zona che studiano le abitudini dei proprietari

GALLIPOLI – I cittadini sono avvisati: occhio ai movimenti furtivi, specie nella fascia oraria che volge dalle 17 alle 21, nelle periferie di Gallipoli e Alezio, e soprattutto nel fine settimana. Da qualche tempo imperversa una banda dedita alle razzie nelle abitazioni che sta facendo una vera e propria strage di denaro, gioielli e argenteria.

Carabinieri del nucleo radiomobile e volanti di polizia del commissariato sono stati chiamati decine di volte, nelle ultime settimane, per sopralluoghi all’interno di case messe letteralmente a soqquadro dai malviventi. Lo scenario, quello consueto in questi frangenti: cassetti e armadi spalancati, oggetti gettati alla rinfusa e preziosi o contanti volatilizzati. E l’intrusione nell’intimità, si sa, è ciò che rende questi reati particolarmente “odiosi”, usando un’espressione del procuratore Cataldo Motta.

Il problema, però, è che ad oggi non sembra siano state ancora segnalate auto o persone particolarmente sospette. E per gli investigatori è difficile tracciare un identikit dei banditi. La situazione è quindi ben diversa rispetto a quella che ha visto al centro, di recente, la famigerata banda di baresi che partiva dal capoluogo pugliese ogni mattina all’alba per raggiungere i piccoli centri del basso Salento e depredare gli appartamenti.

In quel caso si sono fatti notare anche in troppe occasioni (volti nuovi e accenti non salentini non passano certo inosservati, specie nei paesi), e alla fine i carabinieri della compagnia di Maglie, una decina di giorni addietro, li hanno agguantati e trascinati in carcere.

Ma quanto sta avvenendo fra Gallipoli e Alezio (e solo in questi due comuni, perché altri centri come Sannicola e Tuglie sembrano per ora immuni, o quasi, al fenomeno) lascia immaginare uno scenario diverso. Ovvero, gli indizi portano a credere che si tratti di soggetti residenti in zona, che conoscono molto bene il territorio e che quindi sanno muoversi senza dare nell’occhio.

Vi sono alcuni dettagli che meritano di essere noti, onde prendere le necessarie precauzioni. Prima di tutto, i ladri agiscono - come detto - nelle zone più esterne. Non si avventurano in centro, perché ovviamente il controllo di carabinieri e polizia è più serrato. Per fare esempi concreti, alcuni colpi sono stati consumati, ultimamente, in via Scalelle a Gallipoli e in via Parabita ad Alezio.

Seconda cosa, i ladri non si fermano a una singola abitazione, ma ne “ripuliscono” mediamente due o tre in un arco temporale che va dal venerdì alla domenica. Terzo aspetto, agiscono principalmente fra pomeriggio e sera. E non s'infilano nei condomini, ma prendono di mira villette e piccole case i cui portoni si affacciano direttamente in strada.

Solo nell’ultimo week-end, fra porte d’ingresso scassinate e da riparare (in un episodio addirittura sfondata) e refurtiva, i malviventi hanno provocato danni totali per circa 7mila euro. Le vittime stesse, molto probabilmente, vengono scelte con cura. Si tratta soprattutto di persone anziane, che magari abitano da sole. I ladri, quindi, agiscono quando i proprietari escono per piccole spese o per andare a trovare i parenti.

E' bene, allora, fare attenzione a persone sconosciute, magari appostate in qualche autovettura parcheggiata. I loro occhi potrebbero essere puntati sulle porte di casa, per studiare i movimenti di chi vi abita. I topi d’appartamento più furbi, il più delle volte, seguono infatti gli spostamenti delle vittime designate, ne studiano le abitudini, per scegliere il momento propizio in cui agire indisturbati.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una banda di ladri si aggira fra Gallipoli e Alezio: è boom di furti in abitazioni

LeccePrima è in caricamento