Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Furto di 500 metri di cavi rame, treni nel Salento in tilt tutta la mattina

Disagi registrati sia all'altezza di Tuturano, sia a Squinzano: diversi treni hanno accumulato ritardi per circa un'ora e mezzo. Sul posto tecnici Fs e la Polfer. Danni per migliaia di euro. Nelle ultime ore, rientrata l'emergenza

Foto LeccePrima (tutti i diritti riservati).

 

SQUINZANO - Non solo disagi sulle strade, a causa della protesta degli autotrasportatori, ma problemi anche sulla linea Adriatica delle Ferrovie dello Stato a completare un momento "nero" per la circolazione nel Salento. Ma i disagi sulle rotaie sono causati da un furto di 500 metri di cavi di rame tra le stazioni di Brindisi (all'altezza della località di Tuturano) e di Squinzano. Una questione tutt'altro che secondaria, visto che il furto di rame dalle linee ferroviarie impedisce il funzionamento delle segnalazioni automatiche lungo le tratte, costringendo i macchinisti a viaggiare in costante contatto con i dirigenti del traffico a lavoro nelle singole stazioni. E questo crea inevitabilmente rallentamenti ai convogli.

Sui luoghi dei furti, sono intervenuti i tecnici della rete ferroviaria italiana delle Fs e gli agenti della Polfer. Dalle prime stime, che restano tuttavia provvisorie, sono cinque i treni che hanno accumulato ritardo sulle tratte salentine. Si calcola che la lentezza subita dai convogli a causa del furto si aggiri attorno ad un'ora e mezzo. Due treni regionali, frequentati prevalentemente da pendolari, sono stati sostituiti con corse di autobus, mentre altri tre hanno accumulato ritardi per circa 30 minuti.

La situazione è poi tornata alla normalità in tarda mattinata. I disagi - rende noto Ferrovie dello Stato - hanno riguardato dieci treni regionali e cinque treni a lunga percorrenza con ritardi fino a 90 minuti. Due treni regionali sono stati sostituiti con bus: uno da Lecce a Bari, l'altro da Brindisi a Lecce. Secondo il Gruppo Fs, ammontano a 8mila 000 euro i danni provocati dal furto "se si considerano i costi relativi al valore del rame sottratto, al reintegro del materiale e al lavoro aggiuntivo per il ripristino del regolare funzionamento della linea". A questi - continua Fs - si aggiungono i costi sostenuti per la riprogrammazione e la diversa gestione della circolazione. Il danno è però enormemente più elevato considerando i disagi per i viaggiatori. Il furto è stato rilevato dalle squadre tecniche di pronto intervento del Gruppo Fs inviate sul posto dalla sala operativa in seguito all'anomalia segnalata dagli apparati tecnici di sicurezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto di 500 metri di cavi rame, treni nel Salento in tilt tutta la mattina

LeccePrima è in caricamento