Tentano colpo all'Aligros, scappano a mani vuote: caccia ai quattro banditi

Alcuni individui, si sono introdotti nei locali del magazzino Aligros, dove hanno manomesso i volumetrici. Ma si è attivato l'antifurto e sono fuggiti. Non è la prima volta che l'attività viene presa di mira dai malviventi

Foto LeccePrima (tutti i diritti riservati).

LECCE - Non erano esattamente degli sprovveduti, gli individui che, ieri sera, poco prima delle 23, hanno pianificato un furto presso i magazzini Aligros, di via San Cesario. Né  si tratta del primo episodio. A partire dal mese di agosto, infatti, si è assistito ad una escalation di tentati furti che hanno visto sempre la stessa attività commerciale nel mirino dei ladri. Poi ritornati nel successivo mese di settembre, prelevando circa 6 mila euro e tentando un ulteriore colpo il 9 novembre, fallito per l'allarme scattato.

Lo stesso che li ha messi in fuga ieri sera quando, dopo aver manomesso la porta d'ingresso posteriore, sempre la stessa, hanno avuto facile accesso ai locali. La prima apprensione è stata per due dei sensori volumetrici, che i malviventi hanno immediatamente oscurato. Segno evidente, che il piano fosse ben progettato.  Non avevano però fatto i conti con il sistema di antifurto - collegato con la centrale operativa della questura, che si è attivato all'istante - mettendoli in fuga.

Sopraggiunti, con due pattuglie, gli uomini dell'istituto di sorveglianza privata Sveviapol, assieme a tre squadre di agenti di polizia della sezione volanti, hanno avviato le indagini per individuare i responsabili. La priorità è stata data alla visualizzazione di alcune immagini del sistema di videosorveglianza, nelle quali è stato possibile scorgere, chiaramente, quattro persone incappucciate che, una volta entrate, si sono mosse in direzione dei sensori. In ulteriori fotogrammi, inoltre, erano visibili  i malfattori che, all’accensione del sistema di allarme, si sono immeditamente dileguati. Sul luogo dell'accaduto, si è rivelata necessaria, in un secondo momento, anche la presenza del personale dei polizia scientifica, per effetturae quei rilievi che, assieme alle immagini, potrebbero fornire un volto ai quattro banditi in azione.

Sempre in tema di furti, ma cambiando zona, a San Cassiano la scorsa notte, ignoti si sono introdotti nel chiosco di un bar sito nel giardino comunale rubando 40 euro, un televisore Lcd ed un proiettore per un danno complessivo di 2mila euro circa, coperto da assicurazione. Sul caso indagano i carabinieri.

 

Un altro "colpo" è avvenuto, sempre nella notte, nell’istituto tecnico professionale “Marconi” di Lecce, dove un singolo uomo, con il volto scoperto, dopo aver forzato l’ingresso, ha rovistato nelle aule, rubando tre computer e 200 euro in un cassetto della presidenza. Senza dimenticare i distributori automatici di bevande e merendine, da cui ha sottratto le monete. Il fatto è stato scoperto solo questa mattina. Sul posto è intervenuta la polizia, che ha recuperato i nastri di videosorveglianza.

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde il controllo della moto e si schianta vicino casa: muore 35enne

  • Muore colto da infarto davanti alla scuola: attendeva la nipotina

  • Benzina e fuoco nell’autolavaggio: ma l'hard disk delle videocamere "sopravvive" alle fiamme

  • Non si fermano all’alt, schianto sul guardrail: in auto la targa rubata a un finanziere

  • Difendere un assassino, l’avvocato di De Marco: “Non siamo dei mostri”

  • Protezione civile: allerta gialla per possibilità di neve in tutta la regione

Torna su
LeccePrima è in caricamento