Sorprendono un anziano nel sonno. Rapinatori in fuga con contanti e pc

In tre, intorno a mezzanotte, hanno fatto irruzione in un'abitazione di Ugento. Privi di armi e, fortunatamente, senza eccessiva brutalità, hanno costretto un vedovo 80enne a consegnare mille e 400 euro e un pc. Sul posto, i carabinieri del Norm di Casarano

I carabinieri del Norm di Casarano

UGENTO  - Erano senza armi e, quanto meno, hanno risparmiato ulteriore spavento all’anziano che hanno deciso di rapinare. Intorno a mezzanotte, in tre hanno fatto irruzione in un’abitazione in via Liguria, nel centro di Ugento, dove hanno messo a segno un colpo ai danni di un vedovo del posto, di 80 anni. Il proprietario era già a letto ed è  stato svegliato dai rumori provenienti dall’ingresso.

I malviventi, infatti, per accedere all’appartamento, hanno forzato la porta senza alcuna  “accortezza”. Forse pensando che all’interno non ci fosse nessuno. Tutti con il volto semicoperto da sciarpe, hanno esortato  la vittima a indicare il posto in cui custodiva i contanti, senza riscontrare resistenza da parte del pensionato. Quest’ultimo ha consegnato una somma di mille e 400 euro custodita in un cassetto e la banda si è dileguata. Non prima di aver arraffato anche un personal computer, del valore di altre centinaia di euro.

L’anziano si è rivolto al numero di emergenza immediatamente per chiedere aiuto. Sul posto sono giunti i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano, guidati dal tenente Gaetano Roberto Mitola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari dell’Arma hanno ascoltato l’80enne, il quale è rimasto lucido e non si è fatto coinvolgere dagli eventi, per poi passare alla raccolta di indizi utili alle indagini, tra cui anche le registrazioni dei sistemi di videosorveglianza installati lungo le vie del borgomessapico. Gli inquirenti non escludono che,  ad agire, siano stati ragazzi piuttosto giovani e , quasi certamente, dei comuni vicini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento