Incetta di armi da una casa in periferia. Fuggono con 17 fucili e cinque pistole

Alcuni malviventi, nella serata di ieri, hanno raggiunto un'abitazione nelle campagne di Carmiano, usata come deposito dal titolare di un'ex armeria. Hanno arraffato le armi, e alcune munizioni, per poi scappare. Indagini da parte dei carabinieri di Campi Salentina, i quali valuteranno anche l'eventuale responsabilità del proprietario

I carabinieri di Campi Salentina

CARMIANO – Diciassette fucili, e cinque pistole, tutte di calibro 12 e 16, sono stati rubati assieme ad alcune munizioni nella serata di ieri. L’inquietante furto è avvenuto alla periferia di Carmiano, all’interno di un’abitazione utilizzata a mo’ di deposito dal titolare di una ex armeria del posto. L’immobile, situato praticamente in campagna, è sprovvisto del sistema di videosorveglianza.

E qualcuno, probabilmente, ne era a conoscenza. I malviventi hanno, infatti, raggiunto l’edificio senza difficoltà, lontani da occhi indiscreti. Hanno arraffato le armi, tutte legalmente detenute, dopo aver danneggiato gli armadietti metallici che le contenevano. Oltre ai fucile e alle pistole, mancherebbero anche degli oggetti preziosi e monili, per una valore che supera i diecimila euro, e al quale va sommato l’importo delle armi. Per creare dei fori sulle ante, hanno utilizzato trapani e flessibili.

Una modalità che riavvolge il nastro della memoria e riporta le cronache indietro, nei mesi estivi. Quando, tra i mesi di luglio e agosto, si verificarono diversi furti di armi negli uffici di polizia locale di Gallipoli, all’interno del comando del Corpo forestale dello stato, a San Cataldo, e infine ne fu tentato un altro nella sede del Comune di Taviano.

Sul posto, per avviare le indagini, i carabinieri della compagnia di Campi Salentina, guidati dal maggiore Nicola Fasciano. Nel corso delle ultime ore, i militari dell’Arma stanno setacciando la zona, alla ricerca delle prime videocamere utili, che possano fornire un aiuto determinante alle ricerche dei responsabili. Al vaglio degli investigatori, anche le eventuali responsabilità del proprietario delle armi, che potrebbe non averle custodite secondo i termini previsti dalla legge. E’ un aspetto he sarà approfondito in un secondo momento.

Questi ultimi, quasi certamente componenti di una banda di professionisti, potrebbero infatti immettere la refurtiva sul mercato locale delle armi, dove diventa sempre più difficile reperirne di nuove, o utilizzarle per episodi come rapine o assalti a furgoni portavalori.

Una settimana addietro, peraltro, un altro colpo simile è stato messo a segno in un appartamento di Montesardo, la frazione di Alessano. I ladri, in quell’occasione, dopo essersi introdotti in casa, hanno rimediato un ingente bottino composto da un orologio Rolex in oro, e armi. Nell’abitazione erano infatti custoditi sia quattro fucili da caccia, sia una pistola calibro 9x21. Sul posto, per eseguire i rilievi, sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Tricase, guidata dal capitano Simone Clemente. Le armi, tuttavia, erano custodite in un modo tutt’altro che prudente: all’interno di un armadio in legno, facile da aprire.

LECCE: FURTO IN APPARTAMENTO

Un furto in appartamento s'è verificato ieri sera anche a Lecce, in via Enrico De Nicola. Ignoti si sono introdotti nell'abitazione di una donna, sottraendo circa 200 euro. Al momento non è ancora stato fatto un inventario preciso per capire se siano stati rubati altri oggetti di valore.

La proprietaria, rientrata in casa, ha trovato la porta spalancata ed ha chiamato la polizia, temendo che dentro vi fossero ancora gli intrusi. Gli agenti sono arrivati con due volanti ed hanno bloccato gli accessi. Hanno quindi verificato se i malviventi fossero ancora all'interno. In realtà, erano già andati via.

Per tutta la sera in quella zona c'è stato un viavai continuo di pattuglie di polizia che ha incuriosito e non poco residenti e commercianti. Qualcuno ha pensato che fosse in atto un'operazione particolare ed ha contattato la nostra redazione. Due le segnalazioni che ci sono pervenute, da un lettore e del proprietario di un pub. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In realtà, una circostanza fortuita ha voluto che in via Taranto (quindi nella stessa zona del furto consumato) quasi contemporaneamente vi sia stato un incendio doloso a una vettura (evento di cui riferiamo a parte) L'accavallamento tra i due episodi ha prodotto un'insolita concentrazione di volanti in quell'area di città, considerando anche che i poliziotti erano a caccia degli autori del rogo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento