Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Strada Statale Adriatica, 16

Scardinano cassa automatica del centro commerciale. E’ il secondo episodio in tre mesi

In cinque, tutti con il volti coperti, hanno sottratto una delle quattro colonnine dell'area di servizio all'interno del centro commerciale "Conad" di Cavallino. All'interno del cassetto che hanno portato via, decine di migliaia di euro. Le indagini, come nell'episodio avvenuto a fine marzo, sono nelle mani dei carabinieri della compagnia di Lecce

La pala meccanica usata nella notte (Luca Capoccia Photo)

CAVALLINO – Dopo poco più di tre mesi, tornano nel parco commerciale “Conad “di Cavallino, e mettono a segno un altro colpo grosso.  Intorno alle tre della notte, infatti, una banda composta da cinque malviventi ha scardinato una delle quattro casse automatiche che si trovano nei paraggi, nell’area di rifornimento.

Dopo aver rubato una pala meccanica dalla vicina discarica, hanno letteralmente estratto la colonnina, afferrandola dalla base, per poi puntare al cassetto metallico contenente il denaro. All’interno, sebbene la somma sia ancora in fase di quantificazione, vi sarebbero svariate migliaia di euro. Il distributore, infatti, è molto frequentato dagli automobilisti soprattutto nel fine settimana, trovandosi a ridosso della strada statale 16.

Uno dei ladri è sceso dal mezzo, dopo il furto, e ha raggiunto gli altri quattro: sono fuggiti tutti a bordo di un’Audi, forse un’Audi A6, di colore scuro. Le videocamere del circuito di sorveglianza, collegate a un sistema di allarme di allarme che si è attivato poco dopo, hanno immortalato gli individui e ora i filmati sono finiti nelle mani degli inquirenti. Sul posto sono giunti i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Lecce, guidato dal tenente Rolando Russo assieme ai colleghi della stazione di Cavallino, coordinati dal maresciallo Riccardo De Bellis.

Nella notte a cavallo tra il 29 e il 30 marzo, un altro colpo analogo fu pianificato e messo a segno nello stesso centro commerciale. Un’azione studiata nel minimo dettaglio, con una strategia quasi militare. Dopo aver bloccato gli accessi della zona con barre chiodate e mattoni, i malviventi asportarono l’intera cassaforte dal muro della struttura: un maxi furto che fruttò loro decine di migliaia di euro. Anche in quell’occasione fu utilizzata una pala meccanica che, però, era stata parcheggiata nelle vicinanze da diversi giorni prima.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scardinano cassa automatica del centro commerciale. E’ il secondo episodio in tre mesi

LeccePrima è in caricamento