Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Furto di energia nel campeggio. Denunciata giostraia

Blitz dei vigili urbani nel terreno di via Zacà nei pressi del cimitero comunale. Realizzato un accampamento abusivo e anche l'allaccio non autorizzato ad un palo della pubblica illuminazione

foto(13)-2

GALLIPOLI - Una vicenda dai contorni sconfortanti. Dove l'arte di arrangiarsi si fonde inesorabilmente con la prassi di infrangere regole e il rispetto delle leggi. Anche se in "buona" fede, o per necessità primaria. Ma piovono ugualmente le immancabili denunce. Un altro caso limite in quel di Gallipoli, dove alcuni campeggiatori, risultati abusivi, si sono "macchiati", in un caso, anche del reato di furto di energia elettrica. Un dramma nel dramma. Atteso che la situazione non è quella canonica dei soliti furbastri di turno, ma quella di famiglie senza fissa dimora. Succede infatti che da diverso tempo nell'area sterrata prospiciente il parcheggio di via Francesco Zacà e del cimitero comunale, sono accampate un gruppo di roulotte che hanno finito per dar vita, nei fatti, ad un piccolo campo sosta improvvisato. Nessuna autorizzazione comunale ovviamente a corredo tant'è che in queste ore è giunto il sopralluogo della polizia municipale.

I controlli hanno interessato i proprietari di una roulotte, di quelle tradizionali per gli spettacoli viaggianti, utilizzata come dimora da due famiglie di giostrai gallipolini che nel periodo estivo solitamente occupano l'area del lungomare Galilei. Nel corso della verifica i vigili urbani, in predicato già di contestare l'esercizio del campeggio abusivo, notavano altresì che dalla stessa roulotte partiva un lungo filo elettrico che attraversando gran parte del terreno incolto (nelle immediate vicinanze di un noto supermercato della zona) si andava a collegare direttamente con un palo della pubblica illuminazione.

A seguito delle verifiche, alla presenza del personale dell'ufficio tecnico comunale e successivamente con l'intervento di una squadra di tecnici dell'Enel, si accertava che i campeggiatori non avevano alcun titolo all'allaccio alla rete elettrica e che l'attrezzatura utilizzata per il collegamento (cavo, accumulatori e spine varie) era stata assemblata per realizzare un innesto abusivo. Da qui è scattata anche la denuncia di carattere penale per una 70enne giostraia che dovrà rispondere del furto di energia elettrica.


Dopo il distacco da parte dell'Enel, e la comunicazione al magistrato di turno, dott. Cataldi, tutto il materiale elettrico è stato posto sotto sequestro. Solo per il campeggio abusivo, e quindi per le infrazioni ai regolamenti comunali in materia, è stata invece multata anche un'altra coppia di campeggiatori, un cittadino austriaco e la convivente italiana, anche loro da qualche giorno accampanti nel terreno di via Zacà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto di energia nel campeggio. Denunciata giostraia

LeccePrima è in caricamento