Con 300 metri di "oro rosso" nel portabagagli. Denunciato un 41enne

Un uomo è finito nei guai perché trovato in possesso di 11 matasse di cavi in rame, nascoste nell'auto. Il materiale è finito sotto sequestro mentre il 41enne è stato deferito in stato di libertà con l'accusa di ricettazione

I cavi in rame rubati

ALEZIO - Lo hanno notato, nella serata di giovedì scorso,  alcuni abitanti di Alezio, mentre si aggirava per le vie del paese con fare sospetto. La segnalazione al numero di pronto intervento del 112 è stata immediata: un uomo, quasi certamente  non del posto, viaggiava a bordo della propria auto, procedendo a bassa velocità, guardandosi attorno.

Grazie alle notizie fornite dagli autori della segnalazione, i militari dell'Arma sono riusciti, nel giro di poco tempo, ad intercettare l’auto segnalata: una Lancia Y10. Al volante, un 41enne di Matino, già noto alle forze dell'ordine, ora denunciato in stato di libertà con l'accusa di ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A seguito della perquisizione, prima  personale, poi del veicolo, i carabinieri hanno rinvenuto, all’interno del portabagagli, 11 matasse di cavo di rame, di una lunghezza pari a 300 metri. Assieme alla merce rinvenuta, anche diversi  arnesi utili per tranciare il metallo, dei quali il 41enne non ha saputo giustificarne la presenza. Mentre tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro, all'uomo è stato proposto un foglio di via obbligatoria per il Comune di Alezio. I militari hanno avviato le indagini per risalire alla provenienza del rame prelevato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento