Ladri in azienda: un piano studiato in ogni dettaglio ma per pochi spiccioli

Ad Acquarica del Capo portata via la cassaforte all'ingresso della Idaltermo. E anche l'hard disk contenente le immagini. Ma i soldi erano pochi

I carabinieri di Tricase (repertorio).

ACQUARICA DEL CAPO – Una grande impresa, pianificata ad arte in ogni singolo dettaglio e senza trascurare nulla. E tutto per una somma misera, almeno in rapporto ai rischi corsi. Chissà quali tesori speravano di trovare i ladri in una cassaforte all’interno della Idaltermo di Acquarica del Capo, una nota azienda specializzata nella realizzazione di pannelli solari termici. In realtà, sebbene non si sappia quale somma contenesse, non ci sarà stato– al massimo delle sue capacità e degli utilizzi quotidiani in azienda – più di un migliaio di euro.

Il furto, consumato nella notte, è avvenuto nella zona industriale della cittadina del basso Salento. La Idaltermo si trova in via Michelangelo Buonarroti. E tutto è avvenuto, si presume, attorno alle 2 di notte. A quell’ora è scattato l’allarme collegato alla vigilanza. Esternamente sembrava tutto regolare, ma in un secondo momento si è scoperta l’effrazione della porta d’ingresso. Con tanto di fili tagliati, al punto che non si riusciva a staccare l’antifurto, e, soprattutto, di hard-disk con i filmati del sistema di videosorveglianza portato via insieme al piccolo forziere.

Ergo, i ladri si sono premuniti di lasciare ai carabinieri della stazione di Presicce e del Nucleo radiomobile di Tricase meno tracce possibili. Il forziere, piccolo, con appena tre tasselli e usato come deposito per gli spiccioli, persino per cambiare denaro per offrire il caffè, era proprio all’ingresso dell’azienda. A vista di tutti. E non murata. Insomma, un oggetto che difficilmente, forse, si pensava potesse davvero finire nelle mire di ladri, tanto ingegnosi e “professionali” nel modo di agire, da adottare tutte le cautele che di solito si notano nei furti in grande stile. Le indagini, intanto, sono in corso. I carabinieri sperano di reperire altre immagini dagli impianti degli stabilimenti vicini.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Codacons: tariffe telefoniche in grave aumento

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

Torna su
LeccePrima è in caricamento