rotate-mobile
Cronaca Surbo

Furto di gioielli in abitazione da 30mila euro, due condanne

Emesso il verdetto nei riguardi dei due uomini accusati del colpo messo il 22 febbraio scorso a Surbo: quattro anni e mezzo per i leccesi De Leo e Sportella

SURBO - Sono stati riconosciuti responsabili del furto messo a segno lo scorso 22 febbraio in un’abitazione a Surbo i leccesi Ivano De Leo, di 37 anni, e  Fabrizio Sportella, di 52. Lo ha stabilito la sentenza emessa in mattinata dal giudice Giovanni Gallo che, all’esito del processo discusso col rito abbreviato, ha inflitto quattro anni e mezzo a ciascuno degli imputati.

E’ a loro che portarono le indagini svolte dai carabinieri della stazione di Surbo, nelle quali si rivelarono fondamentali i filmati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza. Il primo ad essere arrestato, un paio di mesi dopo il colpo, fu il 52enne, poi, lo scorso giugno, fu la volta di De Leo, che oggi attraverso l’avvocato difensore Laura Minosi ha ottenuto i domiciliari.

La refurtiva di cui i due uomini si sarebbero appropriati, dopo aver forzato la porta di ingresso di casa, comprendeva monili d’oro e d’argento, undici assegni e una rivoltella antica regolarmente detenuta, per un valore complessivo di circa 30mila euro.

Sportella era assistito dall’avvocato Riccardo Giannuzzi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto di gioielli in abitazione da 30mila euro, due condanne

LeccePrima è in caricamento