Furto nel Comune e nella Protezione civile, rubati computer e motosega

Malviventi in azione a Montesano Salentino. I locali sono attigui. Sottratti soldi, pc, monitor, utensili. Indagano i carabinieri

MONTESANO SALENTINO – E’ il secondo furto in sei mesi, nella sede del Comune di Montesano Salentino e a menzionare il dato temporale con rammarico è direttamente il sindaco, Giuseppe Maglie, con un post in cui si scusa con la cittadinanza per i disagi arrecati.

Già, perché i ladri, la notte scorsa, hanno messo letteralmente a soqquadro sia gli uffici del Municipio, sia quelli, attigui, della sezione locale di Protezione civile, il cui presidente è stato avvisato dall’assessore Alessandro Verardo.

Sconfortante la scenda davanti alla quale amministratori comunali da un lato e volontari dall’altro, si sono ritrovati questa mattina, alla ripresa delle attività. Armadietti forzati e spalancati, cassetti aperti, carte gettate alla rinfusa. I ladri hanno messo mani praticamente ovunque, a caccia di qualsiasi cosa potesse rappresentare un valore.

WhatsApp Image 2019-01-19 at 18.55.10-2Non è ancora stato fatto un inventario preciso, visto il disordine, ma, oltre a una piccola somma in denaro, fra gli oggetti di cui si è palesata subito l’assenza sono stati, in particolare, cinque personal computer, quattro monitor e una motosega, quest’ultima in dotazione alla Protezione civile.

Sul posto hanno svolto un sopralluogo i carabinieri dipendenti dalla compagnia di Tricase, ma, purtroppo, non vi sono videocamere da impiegare per le indagini. Quanto al modus operandi, si è accertato che i ladri hanno forzato una grata e poi la porta di un deposito, per avere accesso alle sedi di proprietà del Comune. Il primo cittadino manifesta grande fiducia nelle forze dell’ordine e auspica che i responsabili siano identificati al più presto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento