rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Visionati gli impianti di videosorveglianza / Casarano

Furto nel palazzetto e nell’asilo nido. Carabinieri ricomprano la statua rubata

Notte movimentata a Casarano dove ignoti hanno fatto una scorribanda nel pallone tensostatico e nella struttura scolastica: portati via soldi, computer e la statua della madonna. I militari hanno deciso di donare una nuova icona sacra ai bimbi

CASARANO - Nottata movimentata in  quel di Casarano dove nella notte appena trascorsa si sono verificati due furti uniti ad atti vandalici gratuiti perpetrati ad opera di ignoti. Sul posto sono subiti intervenuti i carabinieri della sezione Radiomobile del Nor di Casarano che hanno avviato le indagini e non solo. A dare contezza dell’accaduto anche il sindaco Ottavio De Nuzzo.

Il primo episodio si è verificato presso il palazzetto dello sport di contrada Pietra Bianca, dove sono stati divelti una finestra ed una porta e sono stati portati via circa 2 mila euro dagli uffici di una delle società locali di volley. Il secondo invece all’interno dell’asilo nido comunale “Le Giovani Marmotte” dove sono stati rubati un computer e la statua raffigurante la madonna posta nell’atrio all’ingresso.

Ladri negli uffici del Casarano Volley

Un furto di circa 2mila euro a cui vanno aggiunti i vari danni materiali. I ladri nella notte fra giovedì e venerdì si sono introdotti nel pallone tensostatico e negli uffici del Casarano Volley, società la cui prima squadra milita nella serie A3 di volley appunto.

Il triste episodio, secondo quanto ricostruito dai responsabili della società sportiva, si è verificato sicuramente dopo le 23, visto che la squadra si è allenata fino a quell’ora. 

“Hanno sfondato il vetro di una porta di emergenza e poi sono entrati negli uffici e nei locali probabilmente con una chiave a pappagallo che fra l’altro hanno dimenticato” racconta il presidente della società Mauro Dongiovanni, “non abbiamo ancora controllato tutto ma sappiamo che hanno portato via la cassa con l’incasso delle quote dei bambini e c’erano circa duemila euro”.  In quei locali ci sono anche materiali da usare in campo e abbigliamento sportivo.

Ad accorgersi dell’accaduto, questa mattina, i frequentatori della palestra per la lezione di ginnastica dolce. Il presidente del Casarano Volley ha sporto denuncia ai carabinieri. Sembrerebbe un episodio non isolato dato che un ulteriore furto si è verificato anche nell’edificio di un asilo vicino.

IMG-20230210-WA0018-2

Rubata madonnina, carabinieri  ricomprano un’altra

Il secondo episodio si è verificato nelle sale dell’asilo nido comunale di via Agnesi che insiste nelle vicinanze del pallone tensostatico. Qui, come detto, sono stati rubati un computer e la statua in gesso raffigurante la Madonna. Anche in questo caso c’è stato il sopralluogo dei militari dell’Arma della compagnia casaranese.

Oltre alle indagini già avviate per cercare di risalire ai responsabili del vile gesto i carabinieri intervenuti, di propria iniziativa, avendo compreso che la statuetta era a cuore del personale della scuola stessa e soprattutto dei piccoli ospiti, hanno deciso di recarsi ad acquistare, nella stessa mattinata, una statuetta analoga raffigurante la madonna e l'hanno regalata alla dirigente scolastica, Gigliola Totisco, per la sostituzione di quella rubata.

Un gesto che ha restituito il sorriso dei bimbi che hanno potuto dare il consueto saluto giornaliero all’icona sacra e che ha destato l’ammirazione e il ringraziamento della comunità scolastica, delle famiglie e dell’amministrazione comunale.   

IMG-20230210-WA0019

Il rammarico del sindaco  

Il sindaco Ottavio De Nuzzo e l’amministrazione comunale hanno condannano con fermezza quanto accaduto, sottolineando che i due luoghi oggetto degli atti vandalici colpiscono il cuore di tutta la comunità perché il palazzetto dello sport è il luogo dove le associazioni sportive del Casarano Volley e della Hope Basket svolgono “una missione sociale importante, promuovendo i sani valori della pratica sportiva per grandi e piccini” e dove l’asilo nido è il luogo “in cui ogni giorno giocano e imparano i nostri bambini”.

“Cosa spinge ignoti a compiere atti del genere?” stigmatizza il primo cittadino “qual è lo scopo di questi sconcertanti atteggiamenti? Consegnatevi alla giustizia, chiedete scusa e riponete la vostra coscienza vicino al cuore. Sarebbe questo l’unico modo per restituire rispetto a quei luoghi sensibili che ogni giorno la comunità vive e colora” invoca De Nuzzo rivolgendosi ai responsabili del furto e degli atti di vandalismo.

“Esprimendo la nostra solidarietà alle associazioni che svolgono l’attività al palazzetto e al personale dell’asilo nido comunale, informiamo la cittadinanza che i carabinieri sono a lavoro per assicurare alla giustizia i colpevoli e che il Comune fornirà le immagini dell’impianto di videosorveglianza delle zone coinvolte” conclude il sindaco di Casarano.

Un sentito ringraziamento è stato rivolto a nome della comunità al comandante della caserma dei carabinieri di Casarano, Aldo Gargiulo, al vice brigadiere Mauro Bello, all’appuntato scelto Andrea Scorrano e al maresciallo Mario Sergi, per avere donato un’altra statua, affinché i piccoli potessero non accorgersi del brutto atto che è stato compiuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto nel palazzetto e nell’asilo nido. Carabinieri ricomprano la statua rubata

LeccePrima è in caricamento